Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Samp, Franceschini: "Giusto cedere Palombo"

ESCLUSIVA TMW - Samp, Franceschini: "Giusto cedere Palombo"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 7 febbraio 2012, 12:302012
di Marco Conterio
fonte di Raffaella Bon

Daniele Franceschini, cento presenze con la maglia della Sampdoria, fotografa per Tuttomercatoweb.com quella che è la 'sindrome Marassi' dei blucerchiati. "No, non ci credo -inizia l'ex difensore- Marassi è sempre stato il dodicesimo uomo. Magari possiamo dire che gli avversari, giocando in casa della Samp, danno sempre il 110% e complicano la vita alla squadra di Iachini. Ma è sempre stato un fortino, anche se questa è davvero un'annata maledetta".
Da Atzori a Iachini, però, i risultati faticano a cambiare.
"Il problema non è il modulo, sono due allenatori validi. Certo, hanno un carattere diverso, Atzori è più pragmatico, più posato, Iachini è un tipo molto più istintivo. Entrambi hanno un curriculum importante in Serie B, ma il problema di fondo è la retrocessione traumatica e non metabolizzata della scorsa stagione. I giocatori hanno sentito le responsabilità ed alcuni non hanno retto alle pressioni".


Palombo, intanto, è andato via.
"E' una scelta più che giusta, altrimenti avrebbe fatto da parafulmine e non meritava di rappresentare un caso Cassano-bis. Nel calcio c'è poca memoria, da idolo era nel mirino, stava nascendo un contrasto feroce. Però togliere la maglia 17, in casa Samp, è un bellissimo gesto, per quel che Angelo ha rappresentato, dentro e fuori dal campo".
E sul mercato, intanto, è ancora rivoluzione.
"Segno che qualcuno si è pentito delle scelte estive. E' giusto che la società sia intervenuta in modo forte, visto che la squadra si stava rilassando, ora servivano stimoli diversi per dare speranze ai tifosi, magari iniziando a vincere anche in casa".
I play-off è un obiettivo fattibile?
"Si, ma la Samp può andare avanti solo se inizia a vincere in casa, altrimenti sarà durissima".

© Riproduzione riservata