Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Taibi: "Toro: sono fiducioso, ma occhio alla tensione"

ESCLUSIVA TMW - Taibi: "Toro: sono fiducioso, ma occhio alla tensione"TUTTO mercato WEB
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
domenica 20 maggio 2012, 08:302012
di Gianluca Losco
fonte Raffaella Bon

La partita di oggi alle 12.30 contro il Modena può sancire la matematica promozione in Serie A per il Torino, dopo tre anni di purgatorio nella serie cadetta. Massimo Taibi fu protagonista dell'ultima promozione dei granata e con lui abbiamo voluto parlare per rivivere quei momenti.

C'è qualche analogia con la prima promozione di Cairo?
"Probabilmente c'erano le stesse aspettative; noi venivamo da un fallimento, loro da tre ani di B. Anche loro avranno lo stesso obiettivo, che finisca presto questa stagione e ritrovarsi in A".

La tensione si farà sentire?
"Direi di sì, visto soprattutto che si tratta della partita cruciale della stagione; ma poi l'ambiente ti può influenzare e ti riporta ben presto alle realtà".

La partita col Modena è alla portata?
"Sinceramente sì, perché il Modena ormai è salvo e non ha più niente da chiedere al campionato, e le motivazioni sono importanti".

Quale potrà essere oggi il peggior nemico?
"La tensione: una grande partita ti può esaltare ma anche bloccare".

Sei fiducioso?
"Il Toro è una squadra matura e credo che non avrà problemi. Ventura saprà gestire al meglio. Sono fiducioso, ma anche consapevole che non sarà tanto facile".

A chi vanno i meriti principali?
"Il merito va diviso fra le componenti, alla società, all'allenatore, alla squadra ed ai tifosi, ma soprattutto ad una giusta programmazione. Ho sempre detto che le squadre vanno fatte a luglio, se non lo fai succede come al Toro, che non risali di categoria. Il Toro ha speso anche più soldi di questa stagione, ma tornando sempre sul mercato questo è stato il risultato".

© Riproduzione riservata