Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMWMagazine - Gastón Brugman: sulle orme di Kakà

TMWMagazine - Gastón Brugman: sulle orme di Kakà
mercoledì 29 febbraio 2012, 12:002012
di Chiara Biondini
fonte TMWmagazine

Il mensile TMWmagazine ha intervistato Gastón Brugman, nuovo talento salito agli onori della cronaca con la maglia dell'Empoli, in tre anni circa è riuscito in un'impresa altrettanto titanica: sfondare nel mondo del calcio italiano. Dalla piccola Rosario in Uruguay, alla Serie B con la casacca del club toscano.

Ti ricordi in che occasione l'Empoli si è fatto avanti con te? "Ero appena tornato a casa dopo aver preso parte al campionato sudamericano Under15 con la maglia dell'Uruguay nel 2007 quando mi padre è venuto da me e mi ha chiesto se mi sarebbe piaciuto giocare in Europa. Io, ovviamente, ho risposto subito di sì e lui mi ha detto che c'era l'opportunità di approdare all'Empoli, in Italia. Rimasi molto sorpreso della proposta che mi era arrivata a soli 15 anni. Sapevo che non sarebbe stato semplice, soprattutto arrivando dal Sudamerica. Assieme a tutta la mia famiglia, però, abbiamo deciso di accettare e adesso sono felice di aver scelto l'Italia".

Mino Raiola, l'agente che cura gli interessi di giocatori del calibro di Balotelli e Ibrahimovic. "E' grazie a lui se sono arrivato all'Empoli. Mino è un agente molto conosciuto anche in Sudamerica dove, solitamente, i procuratori europei non hanno grande risonanza. Averlo come rappresentante per me è il massimo, è il numero uno sia come persona sia per il lavoro che fa".

SCARICA IL PDF: da www.tmwmagazine.com