Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Hellas Verona, Mandorlini: "Ci siamo guadagnati la sfida all'Inter"

Hellas Verona, Mandorlini: "Ci siamo guadagnati la sfida all'Inter"TUTTO mercato WEB
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com
lunedì 17 dicembre 2012, 21:202012
di Arturo Minervini

"Una bella partita, un bel premio, abbiamo vinto contro squadre di Serie A a come Genoa e Palermo e ce lo siamo meritato". Questo il pensiero dell'allenatore del Verona, Andrea Mandorlini, alla vigilia della sfida con l'Inter, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia: "Andiamo nella Scala del calcio - riporta il sito ufficiale del club scaligero - sono contento e lo sono anche per i ragazzi. Vogliamo fare una buona partita. Prima volta a San Siro come allenatore? Ho giocato contro il Milan, mai contro l'Inter. Ho tanti ricordi, da bambino ero tifoso nerazzurro. Adesso ci torno con un'altra squadra del mio cuore, siamo emozionati. Speriamo che l'emozione non ci giochi un brutto scherzo. La prepariamo bene, le motivazioni ci sono tutte. La formazione? C'è sempre la migliore squadra che l'allenatore ha in mente. Il pareggio a Vercelli? L'ho detto ai ragazzi, senza trovare nessun colpevole, siamo meno efficaci negli ultimi metri, meno concreti e meno cattivi. Forse un po' poco aggressiva nelle situazioni. Dobbiamo aumentare l'intensità di gioco, ma non saremo mai una squadra che fa la lotta. Non lo è nelle caratteristiche dell'allenatore e poi la squadra deve giocare. Ultimamente in diverse occasioni non siamo bravi a chiudere le partite.

Il modulo? Si cerca sempre un colpevole, ma non è quello. La squadra sa quali sono le qualità e le potenzialità. Dobbiamo girare a ritmi un po' più alti, ma in questo momento non siamo molto precisi davanti. Lì dovremo migliorare. La Coppa Italia? No, non ci ha distratto. In questo momento siamo un po' penalizzati, un pareggio è stato preso come una sconfitta, ma è un momento così. Ci sono due squadre che stanno facendo al di sopra delle aspettative, e a Sassuolo e Livorno bisogna fare i complimenti. Noi abbiamo un punto in meno dell'anno scorso, ma gli stessi che aveva il Pescara che poi ha vinto il campionato. Qualche confronto va fatto, sappiamo che bisogna migliorare. Soprattutto in attacco, essere più cattivi e risoluti. Tifosi preoccupati? Non mi sembra, se lo fossero non verrebbero in 9mila a Milano, al di là del fatto che manchiamo da questi palcoscenici da tanti anni. Noi non siamo preoccupati, siamo consapevoli che abbiamo lasciato qualcosa in giro e siamo consapevoli che davanti stanno facendo qualcosa di "anormale". Abbiamo le possibilità di chiudere bene l'andata, anche se è normale che potevamo avere dei punti in più".