Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, crisi senza fine: Napoli quinto grazie a un gol di Lavezzi

Inter, crisi senza fine: Napoli quinto grazie a un gol di LavezziTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 26 febbraio 2012, 22:482012
di Raimondo De Magistris

L'Inter è in crisi, il Napoli ne approfitta e dà continuità alla straordinaria vittoria di Champions contro il Chelsea. Importante successo per la squadra partenopea che vince di misura e sale al quinto posto in classifica. La notte del San Paolo viene scaldata da un gol di Ezequiel Lavezzi, bravo a sfruttare l'assist di uno Dzemaili tra i migliori in campo.

NAPOLI PADRONE DEL PRIMO TEMPO - Il copione del primo tempo non vive di molti colpi di scena. La gara è piuttosto chiara col Napoli che controlla la partita e l'Inter si difende affidandosi esclusivamente alle ripartenze. Claudio Ranieri sceglie Forlan come partner d'attacco di Milito, mentre Mazzarri schiera Dzemaili per sostituire Hamsik. Nel centrocampo nerazzurro è presente anche Stankovic, autore del primo tiro dalla distanza che finisce sopra la traversa. Un fuoco di paglia, come dicevamo. Per vedere la seconda conclusione dell'Inter infatti bisogna aspettare il minuto numero 43 quando Sneijder ci prova direttamente da calcio piazzato col pallone che esce di un soffio. Nel mezzo solo Napoli che mette ripetutamente in difficoltà Julio Cesar. Il primo squillo di tromba è di Gokhan Inler, c'è poi la conclusione di Lavezzi deviata in angolo e, soprattutto, il perfetto diagonale di Dzemaili su passaggio di Zuniga che chiama Julio Cesar agli straordinari.
L'Inter è in difficoltà e si limita alla fase difensiva. Sulla punizione di Lavezzi verso la mezz'ora Cavani sbuca tra Cambiasso e Stankovic, ma non trova la porta.

LAVEZZI ANCORA IN GOL -Claudio Ranieri capisce che qualcosa non va e a inizio ripresa cambia completamente il volto della squadra: fuori Sneijder e Forlan, in campo Pazzini e Cordoba con Nagatomo e Faraoni che avanzano sulla linea dei centrocampisti e la squadra che passa dal 4-3-1-2 al 3-5-2. La musica non cambia. E' il Napoli che continua a fare la partita e al 52' va a un passo dal vantaggio col colpo di testa di Maggio sul cross di Zuniga che esce di un soffio. E' il preludio del gol che arriva pochi minuti dopo: Milito perde una palla a centrocampo a favore di Dzemaili che scambia con Cavani, avanza palla al piede eludendo la marcatura di Lucio e serve Lavezzi che con un preciso destro a giro batte Julio Cesar.

INTER, LA REAZIONE ARRIVA TROPPO TARDI -Vantaggio più che meritato: il Napoli nei minuti successici legittima il vantaggio con altre occasione da rete. E' scatenato Dzemaili, autore di una prestazione sopra le righe: lo svizzero prima impegna Julio Cesar con una conclusione che chiama il portiere brasiliano al grande intervento, poi di testa sfiora lo specchio della porta. L'Inter incassa ma, a fatica, riesce pian piano a farsi vedere dalle parti di De Sanctis. Pazzini gira senza precisione il cross dalla trequarti di Nagatomo, ma ciò che dà maggior coraggio ai nerazzurri è l'intervento falloso da ultimo uomo di Aronica su Poli, entrato al posto di Stankovic, che lascia il Napoli in dieci uomini. L'occasione per riequilibrare la gara arriva al minuto numero 88: perfetto il cross di Nagatomo per un liberissimo Pazzini che a due passi dalla porta spedisce il pallone incredibilmente a lato.

Smaltita la paura il Napoli amministra i minuti finali: l'ultimo sussulto nerazzurro è firmato Faraoni, ma il pallone finisce a lato. Terza vittoria consecutiva in campionato del Napoli che risponde ai contemporanei successi di Lazio e Udinese, distanzia l'Inter di quattro punti in classifica e scavalca la Roma.