Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus, il regalo sotto l'albero lo porta un Babbo Natale inatteso

Juventus, il regalo sotto l'albero lo porta un Babbo Natale inattesoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 22 dicembre 2012, 08:302012
di Luca Bargellini

Cagliari-Juventus è la partita dei protagonisti inattesi. Il primo è lo stadio dove si gioca, il Tardini di Parma, sede neutra decisa a discapito dei rossoblù. Poi c'è il vantaggio inatteso degli isolani con un calcio di rigore trasformato da Pinilla e infine, c'è Alessandro Matri nel ruolo dell'uomo decisivo per la formazione bianconera, il giocatore che ribalta con due gol il risultato e permette alla Juve di portare a casa altri tre importantissimi punti.

Fra tante sorpresa l'unica certezza è il risultato finale che vede ancora gli uomini di Antonio Conte vittoriosi. Non si può certo negare, però, che la Juventus nella prima frazione del match abbia fornito una prestazione tutt'altro che convincente, con poco ritmo e poca aggressività. Nella ripresa, invece, si è rivista la squadra che domina questa Serie A senza troppi problemi, grazie anche all'espulsione di Astori per doppia ammonizione.

Il regalo di Natale arriva, dunque, come previsto, per chiudere il 2012 nello stesso modo in cui lo si era iniziato: con una vittoria. L'unica cosa che cambia è il "Santa Claus" di turno. Giovinco, Marchisio, Vidal e Vucinic erano le facce attese con l'abito rosso e la barba bianca. Si è invece presentato Matri, un giocatore forse accantonato troppo celermente. Che sia questo il primo regalo del nuovo anno per Antonio Conte?