Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

L'ex Simonelli: "Nocerina ti puoi salvare"

L'ex Simonelli: "Nocerina ti puoi salvare"TUTTO mercato WEB
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
giovedì 23 febbraio 2012, 21:132012
di Luca Esposito

Gianni Simonelli con Delneri e Auteri è tra gli allenatori che hanno fatto la storia recente della Nocerina. Due stagioni, un quarto e un quinto posto in campionato, e una finale play off persa contro la Ternana e che trascinò, con sé, anche il sogno della B. Un sogno che si è avverato anni dopo, con Auteri che oltre a conquistare la promozione ha superato, nello scorso campionato, il numero di vittorie consecutive della Nocerina in Lega Pro. Record che apparteneva a lui, Gianni Simonelli, l'allenatore filosofo laureato in Lettere classiche con una tesi in Geografia. L'uomo per cui il calcio "sarebbe una cosa straordinaria, se non ci fosse la domenica". I colelghi di Tuttonocerina.com lo hanno intervistato in esclusiva.

Mister, due sole stagioni per entrare nel cuore dei tifosi...
"Quelli tra il 1997 e il 1999 sono stati anni importanti, sia per i risultati, che per la qualità del gioco e per un discorso tecnico. Due anni indimenticabili, sotto tutti i punti di vista".

Con qualche rimpianto, però...
"Quella finale ai play off, e il sogno sfumato della B. Ma si potrebbe parlare anche del secondo anno, con la risalita in campionato, il quinto posto a pari punti con il Savoia e l'accesso ai play off".

Quella serie B che ora, la Nocerina rischia di perdere di nuovo...
"La classifica è deficitaria, la salvezza difficile da raggiungere ma non impossibile visti i numeri".

Ci vorrebbe un miracolo?
"Ci vorrebbe un po' di fortuna. La squadra gioca bene, ha un bel gioco, con un po' di buona sorte in più si può riacquistare fiducia e risalire in classifica".

Cosa non ha funzionato?
"Una serie di cose andate male nel complesso, poi sta ad altri esaminare i dettagli".

Dopo l'esperienza e la sconfitta ai play off con il Sorrento, poi è andato a Benevento salvo poi abbandonare dopo un inizio non positivo. I sanniti con l'arrivo di Imbriani hanno cambiato passo, possono ambire alla B?
"La squadra sta facendo un buon campionato. Possono accedere ai play off e, anzi, possono addirittura vincerli. Sono fiducioso per la tifoseria sannita".

In giallorosso è tornato anche Gori...
"E' un grande portiere di grande affidamento. L'ho allenato in passato, il tecnico Imbriani può contare su di lui".

Nonostante l'ultimo posto i tifosi continuano a sostenere la Nocerina. Che ricordi ha?
"Il pubblico rossonero è emozionante, di grande passione ed emotività. A volte anche troppa (sorride ndr). Però tra l'essere considerato in eccesso e non l'essere considerato, meglio la prima".

Cosa augura alla Nocerina?
"Di conquistare la salvezza. E di poter incontrare il Benevento l'anno prossimo, in Serie B. Anche se tra le due tifoserie non corre buon sangue".