Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lazio, Ballotta: "Contro l'Atletico deve temere se stessa"

Lazio, Ballotta: "Contro l'Atletico deve temere se stessa"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 14 febbraio 2012, 09:552012
di Chiara Biondini
fonte Radio Incontro - Diario di Bordocampo

Intervenuto ai microfoni di "Radio Incontro 105.8 fm, Diario di bordocampo", Marco Ballotta, ex portiere di Lazio ed Inter, si è espresso a sul terzo posto in Serie A della squadra biancoceleste: "Non è assolutamente un caso, se lo merita grazie anche all'ottima campagna acquisti estiva dove ha integrato la rosa comprando giocatori di grande spessore che non hanno deluso le aspettative."

Sul mercato invernale della Lazio,molto criticato dai propri tifosi per il mancato arrivo di un pezzo pregiato,che per Ballotta non sembra essere stato deludente "Le soluzioni sono state valutate dalla società nel migliore dei modi a volte sfoltire la rosa o vendere giocatori per l'equilibrio dello spogliatoio contano più di un acquisto".

Sui meriti di mister Reja sembra deciso "Si vede la mano dell'allenatore, è riuscito a dare una giusta impronta alla squadra e si vede dal carattere che tira fuori in campo. Credo sia l'allenatore giusto per questa piazza: è una persona ambiziosa e ha un progetto in mente di squadra che lo porterà la Lazio lontano".

L'ex portierone biancoceleste, interrogato, sul numero uno attuale ,Marchetti, non ha risparmiato elogi "Sono contento per lui, perchè si è ripreso alla grande e sta dimostrando a pieno il suo grande valore, in Italia i portieri come lui sono davvero pochi".

Il "Nonno" laziale, sà che, anche se meritato, il terzo posto che consetirebbe alla Lazio di qualificarsi ai preliminari di Champions League è insidiato da molte squadre, soprattutto "dalla Roma che vedo in continua ascesa ed è la squadra più agguerrita. Luis Enrique è stato molto bravo perchè, nonostante alcune battute d'arresto, è rimasto saldo nelle sue intenzioni portando avanti i suoi innovativi ideali di gioco che alla lunga gli daranno sicuramente ragione".

Per concludere si è espresso sull'incontro di andata in Europa League che vedrà la Lazio affrontare Giovedì sera allo stadio Olimpico, l'Atletico Madrid dell'ex Simeone" La Lazio deve temere solo se stessa, magari evitando di regalare il primo tempo agli avversari. Se gioca come sà porterà a casa il risultato".