Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Premier League, Derby d'Inghilterra allo United, decide Rooney

Premier League, Derby d'Inghilterra allo United, decide RooneyTUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
sabato 11 febbraio 2012, 15:422012
di Simone Lorini

Doveva essere il Derby d'Inghilterra della riappacificazione tra Evra e Suarez, non è stato così. E' stato il Derby di Rooney, decisivo con la doppietta in apertura di ripresa che ha consegnato i tre punti alla squadra di Ferguson. Liverpool troppo rinunciatario, con l'unica punta Suarez lasciata al suo destino in mezzo ai centrali di Ferguson, e con l'aiuto dei centrocampisti troppo raro ed inconcludente. L'uruguaiano inoltre è autore dell'ennesimo brutto gesto ad inizio partita, quando rifiuta la mano di Evra al momento dello scambio di saluti di rito al centro del campo. Un episodio che farà scalpore.

POCHE EMOZIONI - La prima emozione della partita arriva nella metàcampo Reds, con Valencia che regala un'accelerazione delle sue ai 70 mila dell'Old TRafford e viene steso al limite destro dell'area dal disperato recupero di Enrique. Punizione battuta da Giggs senza particolari pericoli per Reina. Al 9' di gioco la risposta degli ospiti: Glen Jonhson sfonda a destra, rientra sul piede meno nobile e con un tiro a giro sfiora il secondo palo della porta difesa da De Gea. Il Manchester si fa rivedere in area avversaria al 19' quando ancora Valencia porta a spasso Enrique e scarica per Rafael, il cui sinistro è però troppo debole per impensierire Reina, che si piega e raccoglie il pallone in presa bassa. La sfida di concentra per lo più a centrocampo, dove entrambe le squadre hanno gli uomini più rappresentativi ed in grado di direzionare il match, con le occasioni da rete che si contano sulle dita di una mano. Alla mezz'ora ne arriva però una davvero grossa per i padroni di casa: Giggs sale a sinistra e con un paio di finte disorienta Johnson, crossa con il suo magico sinistro pescando Rooney tutto solo a centro area. Il centravanti della Nazionale stacca e colpisce a botta sicura ma trova il riflesso di Pepe Reina a negargli la gioia del goal. Cresce lo United, che sfonda sulle fasce con grande costanza, ma nonostante due buoni azioni corali, ne Welbeck ne Evra riescono a trasformare in rete da buona posizione. Il Liverpool prova a rispondere con una insistita azione tra Kuyt e Suarez, ma Ferdinand risolve tutto uscendo palla al piede dall'area. Come spesso accade quest'anno, gli attaccanti Reds sembrano troppo isolati dal resto della squadra e di rado riescono a rendersi pericolosi. L'ultima palla goal della prima frazione capita però proprio agli ospiti, con Suarez che parte in contropiede, salta Evra ma è rimontato all'ultimo secondo da un grande intervento di Ferdinand, che salva lo United. Al duplice fischio altro capannello intorno al fischiatissimo Suarez, con i compagni che lo circondano per evitare conseguenze peggiori.

ROONEY IN 4' - 1 minuto e 19 secondi è quanto serve al Manchester United per sbloccare la partita alla ripresa delle ostilità: calcio d'angolo battuto da Giggs, torre involontaria di un difensore e destro volante di Rooney che porta in vantaggio i Red Devils e spacca in due la partita. Match che prende definitivamente la via di Manchester due minuti dopo, quando Spearing si addormenta davanti all'area, regalando palla a Valencia, che vede e serve lo scatto di Rooney. Il numero 10 rimane freddo davanti a Reina, battuto con un morbido destro. Liverpool ko, incredibile l'errore del centrocampista numero 20. Rooney va vicino alla tripletta al 59' su iniziativa di Giggs sulla sinistra, ma stavolta il tocco verso la porta è impreciso. All'ora di gioco Dalglish prova la mossa della disperazione, togliendo due centrocampista ed inserendo due punte. Spazio a Bellamy e Carroll, fuori Spearing e Downing. Nonostante i cambi la formazione di Dalglish fatica molto a costruire azioni da goal, in particolare il filtro a centrocampo della coppia Carrick-Scholes funziona a meraviglia. E' ancora l'undici di Sir alex Ferguson a rendersi pericoloso al 73' quando Valencia crossa in mezzo, Rooney tocca quasi impercettibilmente con il tacco e Welbeck prova a concludere di prima verso la porta difesa da Reina. Il tiro tuttavia, sporcato da una deviazione, finisce senza problemi tra le braccia del portiere spagnolo. Al 75' Dalglish inserisce il grande escluso dai titolari, Charlie Adam, in luogo di uno spento Kuyt. E' il terzo ed ultimo cambio per i Reds, mentre per Ferguson schiera ancora i medesimi undici che hanno iniziato la partita, non intravedendo difficoltà alcuna nella gestione della partita dei suoi. A 10' dal termine Suarez riapre la partita approfittando di un grossolano errore su calcio da fermo della difesa del Manchester: palla che spiove al centro dell'area, Ferdinand sbaglia il controllo ed in pratica fornisce l'assist a Suarez che a pochi passi dalla linea di porta batte De Gea ed accorcia le distanze. Si tratta a conti fatti del primo tiro verso la porta del Manchester nell'intera ripresa. Negli ultimi minuti di partita non succede praticamente nulla, il Manchester United vince e convince, mentre per il Liverpool prosegue la cronica difficoltà a creare azioni e segnare.
Manchester United-Liverpool 2-1
(47. 49' Rooney, 80' Suarez)

In programma oggi sabato 11 febbraio
16:00 Blackburn-QPR
16:00 Bolton-Wigan Athletic
16:00 Everton-Chelsea
16:00 Fulham-Stoke City
16:00 Sunderland-Arsenal
16:00 Swansea City-Norwich City
18:30 Tottenham-Newcastle

In programma domani domenica 12 febbraio
14:30 Wolverhampton-WBA
17:00 Aston Villa-Manchester City