Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Romeo e Palacio spingono il Genoa. Parma raggiunto al 95'

Romeo e Palacio spingono il Genoa. Parma raggiunto al 95' TUTTO mercato WEB
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
sabato 25 febbraio 2012, 20:022012
di Simone Lorini
fonte Sportsbook24.net

Finisce 2-2 tra Parma e Genoa, un pareggio pesantemente condizionato dalle decisioni arbitrali, sempre a sfavore dei ducali negli episodi decisivi della partita. Ospiti che possono recriminare per un doppio svantaggio sprecato al 95', quando Palacio riceve da Jorquera e fredda Mirante e che ora si presenteranno alla sfida contro il Napoli con quattro assenze pesantissime, essendo stato espulso Lucarelli, ammonito il diffidato Valiani ed essendosi infortunati i due autori dei goal Floccari e Gobbi. Genoa che interrompe la serie negativa trovando un punto che sembrava insperato sullo 0-2 e con poco meno di mezz'ora da giocare.

Il Parma parte subito fortissimo, con un Galloppa particolarmente alto e adibito al pressing a ridosso dell'area genoana, con Musacci centrale e Mariga alla sua destra. Alla prima occasione da goal costruita gli ospiti sbloccano la gara: su calcio di punizione battuto da Giovinco la difesa rossoblù rinvia su Gobbi, che stoppa e con il sinistro fredda Frey. Il Genoa prova a rispondere con Jankovic su punizione dai 30 metri, ma il suo destro è un tiraccio che finisce più vicino alla bandierina che alla porta di Mirante. Tutt'altro il grado di pericolosità di Palacio, che al 10' semina il panico sulla sinistra, mette in mezzo senza trovare però la deviazione decisiva da parte di un compagno. Al 25' l'autore del goal è costretto ad abbandonare la contesa per un problema muscolare, entra Modesto. Pochi secondi dopo Palacio ancora pericolosissimo: su calcio d'angolo battuto da Veloso, dopo un batti e ribatti la palla finisce all'argentino che conclude di prima intenzione ma trova la respinta di puro istinto di Mirante, che salva il vantaggio. Al 27' travolgente contropiede di Biabiany sulla destra, che non si avvede del liberissimo Giovinco sulla sinistra ed è fermato in corner dopo un coast to coast partito dalla propria area. Dopo un paio di tentativi dalla distanza poco fruttuosi, il Parma costruisce un'azione meravigliosa sull'asse Giovinco-Mariga. Il numero 10 riceve dal kenyota, ne aspetta l'inserimento e lo serve al bacio. Conclusione di prima intenzione del numero 15, respinta da Granqvist con una scivolata alla disperata, con pallone che batte ancora su Mariga prima di terminare nuovamente a Giovinco, che da posizione defilata trova l'angolo per battere Frey. Romeo annulla tutto tra l'incredulità della formazione ducale, per un fantasioso fuorigioco di Giovinco. Il primo tempo finisce con l'undici di Donadoni ancora avanti, senza però rendersi nuovamente pericoloso.

Ripresa che inizia in maniera speculare per il Parma che raddoppia con un contropiede perfetto condotto da Biabiany, che si fa 80 metri di scatto e serve Giovinco, la cui conclusione sbatte prima su Frey, poi sul palo ed infine carambola su Floccari che di ginocchio insacca. Come per Gobbi però, l'autore del goal è vittima quasi subito di un infortunio. Su contrasto con Kucka infatti il numero 11 rimane a terra toccandosi il gomito; uscirà di li a breve in barella. Al suo posto dentro Valiani, con Biabiany che sale ad affiancare Giovinco. All'ora di gioco grande occasione per Palacio, che salta Ferrario ma non serve il liberissimo Jankovic, facendosi recuperare dalla rientrante difesa ducale. Pochi minuti dopo ancora Genoa pericoloso con un cross al centro fermato con una scivolata in area piccola di Modesto. Marino inserisce Ze Eduardo per l'assalto finale, fuori un non felicissimo Moretti. Al 71' altro contropiede devastante di Biabiay che vola sulla destra e serve Giovinco prima di essere steso in area di rigore, il numero 10 ritarda la conclusione, subisce un altro intervento dubbio ma non cade e l'azione sfuma. Al 76' Mirante si deve superare su un colpo di testa di Jankovic su calcio di punizione battuto dalla sinistra. Un minuto dopo, Romeo commina un calcio di rigore per mano di Modesto su colpo di testa di Ze Eduardo. Il difensore colpisce effettivamente di braccio, ma essendo di spalle ed a pochi centimetri dall'avversario, la decisione dell'arbitro lascia più di un dubbio. Dal dischetto batte Palacio, che sbaglia, ma sulla respinta di Mirante insacca. All'82' combinazione ad alta velocità tra Giovinco e Biabiany, con il fantasista italiano che serve l'esterno francese, il quale non tira e si fa recuperare da Granqvist. Altri due episodi dubbi in area ducale negli ultimi minuti di gioco: Ferrario devia di mano un tiro da fuori di Kucka e Modesto colpisce in gioco pericoloso Ze Eduardo, ma Romeo questa volta fa segno di continuare. 7 i minuti di recupero e nel quinto arriva il 2-2 genoano, firmato ancora Palacio, alla settimane rete della sua carriera contro il Parma, che gela i ducali e regala un punto ai rossoblù. Espulso Lucarelli per proteste.

Genoa-Parma 2-2
(5' Gobbi, 52' Floccari, 77', 95' Palacio)