Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Torino, il problema del gol è atavico: a maggior ragione va risolto

Torino, il problema del gol è atavico: a maggior ragione va risoltoTUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Mariani
martedì 28 febbraio 2012, 12:482012
di Elena Rossin
fonte Elena Rossin per TorinoGranata.it
Negli ultimi ventidue campionati il Torino solo due volte ha avuto una media gol a partita superiore al 1,5 persino l'ultima volta che si piazzò terzo in A non andò oltre l'1,23. Il problema del gol va risolto soprattutto in prospettiva futura.

E' cambiato il millennio ed anche il secolo, sono passati gli anni, si sono disputati campionati in serie B ed altri in A, si sono avvicendati presidenti, dirigenti, allenatori, preparatori e giocatori, ma al Torino solo una cosa sembra restare immutata nel tempo: la difficoltà a fare gol. Perché? E' difficile da dirsi, troppo facile sarebbe pensare che molti giocatori che si sono avvicendati nel tempo non hanno avuto una mira precisa o che gli allenatori hanno curato troppo poco la fase offensiva. Però rimane questa costante confermata dalle statistiche. Risalendo all'inizio dell'ultimo periodo della storia del Torino, fissato nella stagione 1989-1990 la seconda in serie B, un dato è subito balzato prepotentemente agli occhi: le squadre che hanno vinto i campionati nei quali era presente anche il Torino, a prescindere che si sia trattato di A o B, quasi sempre hanno avuto una media di gol a partita superiore all'1,5, esattamente sedici volte su ventidue, mentre i granata solo due volte hanno superato questo valore e sempre in B nella stagione 1998-1999 (1,52) arrivando dietro al Verona (1,57) e in quella 1989-1990 piazzandosi primi (1,65). Se a questo dato aggiungiamo che persino nel 2000-2001, quando fu vinto il campionato di B, questa media si attestò all'1,26 e nel miglior piazzamento in A, terzo posto, risalente al 1991-1992 questo valore si fermò sull'1,23 allora non vi è dubbio che il gol per il Torino è un vero problema.

Per avere un quadro preciso bisogna fornire i dati. Ma quali sono i dati? Piazzamento, gol fatti, gol subiti, differenza reti e media gol a partita, tenendo conto delle gare di campionato, esclusi eventuali playoff, spareggi o playout. Stagione 2010-2011: Torino ottavo in B 49; 48; +1; 1,16; Atalanta prima 61; 35; +26; 1,45. Stagione 2009-2010: Torino quinto in B 53; 36; +17; 1,26; Lecce primo 66; 47; +19; 1,57. Stagione 2008-2009: Torino diciottesimo in A 37; 61; -24; 0,97; Inter prima 70; 32; +38; 1,84. Stagione 2007-2008: Torino quindicesimo in A 36; 49; -13; 0,94; Inter prima 69; 26; +43; 1,81. Stagione 2006-2007: Torino sedicesimo in A 27; 47; -20; 0,71; Inter prima 80; 34; +46; 2,1. Stagione 2005-2006: Torino terzo in B 51; 31; +20; 1,21; Atalanta prima 61; 39; +22; 1,45. Stagione 2004-2005: Torino terzo in B 49; 31; +18; 1,16; Empoli primo 58; 36; +22; 1,38. Stagione 2003-2004: Torino dodicesimo in B 57; 54; +3; 1,23; Palermo primo 75; 39; +36; 1,63. Stagione 2002-2003: Torino diciottesimo in A 23; 58; -35; 0,67; Juventus prima 64; 29; +35; 1,88. Stagione 2001-2002: Torino undicesimo in A 37; 39; -2; 1,08; Juventus prima 64; 23; +41; 1,88. Stagione 2000-2001: Torino primo in B 48; 33; +15; 1,26. Stagione 1999-2000: Torino quindicesimo in A 35; 47: -12; 1,02; Lazio 64; 33; +31; 1,88. Stagione 1998-1999: Torino secondo in B 58; 36; +22; 1,52; Verona primo 60; 38; +22; 1,57. Stagione 1997-1998: Torino quinto in B 50; 40; +10; 1,31; Salernitana prima 65; 32; +33; 1,71. Stagione 1996-1997: Torino nono in B 45; 48; -3; 1,18; Brescia primo 49; 34; +15; 1,28. Stagione 1995-1996: Torino sedicesimo in A 28; 46; -18; 0,82; Milan primo 60; 24; +36; 1,76. Stagione 1994-1995: Torino undicesimo in A 44; 48; -4; 1,29; Juventus prima 59; 32; +27; 1,73. Stagione 1993-1994: Torino ottavo in A 39; 37; +2; 1,14; Milan primo 36; 15; +21; 1,05. Stagione 1992-1993: Torino nono in A 38; 38; 0; 1,11; Milan primo 65; 32; +33; 1,91. Stagione 1991-1992: Torino terzo in A 42; 20; +22; 1,23; Milan primo 74; 21; +53; 2,17. Stagione 1990-1991: Torino quinto in A 40; 29; +11; 1,17; Sampdoria prima 57; 24; +33; 1,67. Stagione 1989-1990: Torino primo in B 63; 24; +39; 1,65.

L'analisi non è ovviamente fatta per mettere il dito nella piaga o cercare di colpevolizzare qualcuno o sostenere che l'attuale squadra non fa abbastanza bene, ma per avere un quadro completo che aiuti a migliorare, ovvero a trovare una soluzione perché i dati di questa stagione sono in linea con quelli generali. Infatti il Torino è primo con 34 gol realizzati, 18 subiti, ha una differenza reti di +16 e una media gol a partita di 0,89 e il Sassuolo che condivide con lui la vetta 36; 18; +18; 0,94 non brilla, ma sta un po' meglio da questo punto di vista. Non ci sono avvisaglie di alcun tipo che il Torino quest'anno non riesca a centrale l'obiettivo, ma inserendo la questione dei gol segnati nel percorso di crescita che Ventura vuole è indispensabile individuare le cause che portano la squadra a creare molto e a concretizzare poco, soprattutto in prospettiva futura: non subire gol è un bel passo avanti, ma deve essere accompagnato dal farne altrimenti la mediocrità continua e i risultati che fanno riempire il petto d'orgoglio e tirare fuori le bandiere dai cassetti per sventolarle non si ottengono.