Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Carlo Mazzone: "Roma, fiducia in Zeman e Totti sembra un ragazzetto..."

Carlo Mazzone: "Roma, fiducia in Zeman e Totti sembra un ragazzetto..."TUTTO mercato WEB
© foto di Federico de luca
giovedì 31 gennaio 2013, 09:122013
di Redazione TMW.
fonte di Simone Ippoliti per Ryar Web Radio - www.ryar.net

Da ex allenatore della Roma, mister Carlo Mazzone conosce bene la piazza e le pressioni dell'ambiente calcistico e non condivide l'atteggiamento che sta dilagando nella società giallorossa.

«Bisognerebbe dire basta con questi atteggiamenti - afferma Mazzone -. Non penso che questa sia la strada giusta per far crescere una squadra. Se si vince è merito dei giocatori e della società, se si perde è colpa dell'allenatore? È una cosa sciocca. Bisogna dare fiducia a Zeman fino in fondo e quando finirà il Campionato si tireranno le somme del caso. Ora, tutto questo "parlare" crea solo tensione negativa. Il tecnico conosce l'ambiente romano. Ha preso una squadra con tanti giovani dalle ottime prospettive, ma che non sono ancora preparati a sopportare le responsabilità pesanti della città. Non si deve parlare del cambio di allenatore. Metterlo in discussione disturba lui e il contesto. Roma ha due belle squadre, capisco che le tifoserie abbiano voglia di vincere. Quello della capitale è un ambiente difficile per le società, per gli addetti ai lavori, i calciatori e anche per la stampa. A Roma "quando si perde è pane duro, quando si vince è festa e fiera!". In un contesto simile, la stampa ha un peso importante. Anche i giornalisti - conclude il mister con una stoccata - ogni tanto diventano tifosi e non sanno perdere.»

Sulle parole del ds della Roma Walter Sabatini in conferenza stampa: "Quando non sentivo la fiducia dell'ambiente, io davo le dimissioni e me ne andavo. Una società che si rispetti non deve mettere in discussione l'allenatore così pubblicamente, anche se non è del tutto convinta della scelta che ha fatto. Zeman è venuto a Roma con tanto entusiasmo e determinazione, e tenerlo sotto pressione non aiuta. Lasciamolo lavorare. Non è un ragazzino che ha bisogno di motivazioni. Conosce Roma e sa come comportarsi. Io darei a Zeman un paio di stagioni con questa squadra a disposizione".

«La Roma ha cambiato tante cose anche quest'anno, ma ha fatto una campagna acquisti in prospettiva. In formazione ci sono ragazzi di talento, che hanno bisogno di tempo per crescere. Alla tifoseria dico di stare vicino alla squadra, specialmente nei momenti difficili, e di conseguenza appoggiare anche il tecnico.»

Impossibile non parlare di Francesco Totti, cresciuto proprio con mister Mazzone:

«Sembra un "ragazzetto"! Sta facendo una grande stagione, e questo non mi meraviglia. È una persona eccezionale, nel mondo del calcio ce ne sono pochi come lui. Pagherebbe di tasca sua per portare la Roma in alto. È un punto di riferimento per tutti, e mi auguro per i giallorossi che un giocatore così possa rimanere in squadra per altri due o tre anni. Ai giovani in rosa dico solo questo: ascoltate Francesco Totti, vi farà crescere e migliorare!».

Abbiamo provato un po' di amarcord con Carlo Mazzone, quando ha detto:

«Ranieri è stato un mio giocatore ai tempi di Catanzaro. Lo reputo un uomo per bene e un grande professionista. Con Claudio ho avuto sempre un ottimo rapporto. A Roma bisognava vincere, e lui ci è andato molto vicino. Ma ormai sono cose che appartengono al passato...».

Poi, Mazzone quasi si commuove nel ricordare il Presidente Franco Sensi:

«Mi manca tantissimo. Ci ha lasciati un po' troppo presto. Io gli sono stato sempre grato per avermi dato l'opportunità di allenare la Roma, e penso che all'interno dell'attuale società la sua assenza costituisca una grossa mancanza. Gli ho voluto e gli vorrò sempre bene. Mi ha trattato con grande rispetto».

Il mister torna a sorridere grazie alla risposta a quei tifosi che avrebbero voluto un suo ritorno sulla panchina della Roma per questo finale di stagione. Dice senza presunzione:

«Fa sempre piacere sentire queste belle cose, ma ormai Mazzone è un ex».