Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Carlo Nesti: "Cosa succede alla Juve? Io mi chiedo cosa succede a Conte!"

Carlo Nesti: "Cosa succede alla Juve? Io mi chiedo cosa succede a Conte!"TUTTO mercato WEB
lunedì 21 ottobre 2013, 12:122013
di Chiara Biondini
fonte Carlo Nesti

Ha sicuramente un senso affidarsi all'"imponderabile", come ha detto Conte, per spiegare cosa è accaduto dal 66' in poi. Ma se mi fermassi anch'io qua, sarei un superficiale. Tutti si chiedono: cosa succede alla Juve? Io mi chiedo: cosa succede ad Antonio? Nella stagione del primo scudetto, era il tecnico più elastico d'Italia, mentre ora è diventato il più integralista: 3-5-2 a vita. La Fiorentina, al 55', inserisce Joaquin al posto di Aquilani, e passa al 3-4-3. Il tridente è composto da Joaquin-Rossi-Cuadrado, che obbligano la difesa a 3 bianconera ad allargarsi, lasciando spazio agli spifferi. Bastava abbassare Padoin a destra, e spostare Chiellini a sinistra (4-4-2): niente.

Al 66', arriva l'1-2, e, fino al 76' (2-2), Conte alza la retroguardia, per tenere i viola lontani dalla porta. Ma quando, sul fronte opposto, ci sono 3 specialisti delle verticalizzazioni, come Rossi, Cuadrado e Joaquin, l'assurdità è proprio aprire le praterie, e metterle a loro disposizione. E' ovvio che, prima dell'aspetto tattico, il tracollo della Juve è psicologico, ma anche sul piano strategico, sarebbe il caso di darsi una regolata. Non è mai troppo tardi...