Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

...con Di Michele

...con Di MicheleTUTTO mercato WEB
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
lunedì 21 gennaio 2013, 00:002013
di Alessio Alaimo
"Chievo, sapevo di andar via a novembre. Lecce, io volevo tornare. Con la Reggina trattativa lampo, Foti crede in me. Palermo-Sorrentino, occasione importante"

David Di Michele torna alla Reggina. Il presidente Lillo Foti anticipa la concorrenza e si assicura un giocatore che ha tutto il sapore di un lusso per la serie B. "È stata una trattativa lampo", racconta Di Michele a TuttoMercatoWeb.

Ma non doveva tornare a Lecce?
"A Lecce sono stato benissimo, volevo tornare. Ma dall'altra parte forse non c'era la stessa volontà: ero l'unico che voleva tornare, poi mi sono accordato con la Reggina in due ore. Quando trovi un presidente che ti prende in due ore vuol dire che crede nell'uomo e nel giocatore. Non ho potuto che dire sùbito di sì".

Per lei un ritorno al passato.
"A Reggio ho vissuto due anni bellissimi, ci siamo tolti delle soddisfazioni tutti insieme: spero che questo mio ritorno dia una scossa ai più giovani, alla città e ai tifosi. Questo percorso può regalare soddisfazioni a tutti".

Al Chievo aveva cominciato bene, poi cosa è successo?
"Ero partito bene, mi aveva voluto Di Carlo che credeva in me. Quando è cambiato l'allenatore sono cambiate anche le cose. Brutto dirlo, ma a novembre sapevo già che non ero considerato uno dei principali artefici della formazione. Quando un allenatore due mesi prima ti viene a dire «non so quante partite ti faccio fare da qui alla fine» vuol dire che la cosa nasce male. Comunque ci siamo lasciati bene".

A proposito di Chievo: Sorrentino non riesce ad andar via, il Palermo chiama...
"Staranno parlando, spetta a lui e al Chievo decidere".

I rosanero fanno fatica.
"Non me l'aspettavo, davvero. Il Palermo è una buona squadra con dei giocatori importanti, ma in questi due anni il campionato italiano s'è livellato molto e le neo promosse stanno facendo bene. Anche se hai buoni giocatori la domenica devi sempre dimostrare".

Gli manca il portiere che dia garanzie: Sorrentino, appunto.
"È un portiere importante, lo dicono i fatti. Ha fatto grandi campionati in serie A, se il Palermo lo prende porta a casa un giocatore importante. Per lui è una richiesta di livello, da una società importante: ora stabilire cosa fare tocca a Sorrentino e al Chievo".

2013: l'anno di Paloschi...
"Ha personalità e carattere, può fare molto bene".

E David Di Michele, che obiettivi ha per quest'anno?
"L'importante è mettere a disposizione la mia esperienza, i miei consigli e la mia personalità. Dobbiamo credere di più in noi per creare un gruppo importante".