Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Fontana: "Totti in Nazionale? Eventualità da prendere in considerazione"

Fontana: "Totti in Nazionale? Eventualità da prendere in considerazione"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
mercoledì 16 ottobre 2013, 16:592013
di Chiara Biondini

A pochi giorni dal big match che vedrà Roma e Napoli affrontarsi allo stadio Olimpico, la redazione di Vocegiallorossa.it ha contattato Alberto Fontana, ex portiere che ha militato tra le fila dei partenopei nel 2001. Ecco le sue impressioni sul match di venerdì e su altri temi legati alla Roma.

Che sfida sarà Roma-Napoli?
"Credo possa essere senz'altro una sfida bellissima, tra le due squadre che finora hanno fatto meglio di tutte in questo campionato e che sono due serie candidate alla conquista dello scudetto".

Chi potrà deciderla da una parte e dall'altra?
"Ci sono talmente tanti giocatori che potrebbero rivelarsi decisivi che sceglierne due è difficile... Ma io sono un nostalgico e dico da una parte Totti, mentre dall'altra mi affido più alla gioventù e dico Insigne".

Parliamo di un ruolo che conosci molto bene, quello del portiere. Come giudichi i primi mesi in giallorosso di Morgan De Sanctis?
"Credo che finalmente in quel ruolo la Roma abbia fatto una scelta importante. I portieri che si sono succeduti prima di De Sanctis hanno deluso. In particolar modo credo che gli stranieri abbiano più di una difficoltà a confrontarsi con il nostro campionato e lo abbiamo visto".

Che idea ti sei fatto di Rudi Garcia?
"Devo essere sincero, non lo conoscevo. È stato una bellissima sorpresa e mi è piaciuto fin dalle prime interviste in cui si è presentato. Anche nel privato mi sembra una persona molto umile e che sia in grado di tenere sempre in mano la situazione. Ha ridato fiducia a giocatori che sembravano ormai spompati, coinvolgendoli nel progetto tecnico".

'obiettivo della Roma è realmente lo scudetto o è più plausibile un piazzamento in Champions?
"Mi aspettavo che la Roma potesse fare bene, ma nessuno si aspettava questi risultati all'inizio. Credo che con questo allenatore, questa rosa e questa città alle spalle i giallorossi non debbano porsi dei limiti e lottare fino in fondo per la conquista del titolo".

Come vedresti un eventuale ritorno di Totti in Nazionale?
"Come ho detto prima io sono un nostalgico e se Totti è in queste condizioni non si può non prenderlo in considerazione. Inutile dire che è un giocatore che può accendere la luce della partita in qualsiasi momento e - anche se non spetta a me decidere - credo che l'eventualità di portarlo al Mondiale debba senz'altro essere presa in considerazione".