Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Guarin: "Fernando e Rolando sarebbero i benvenuti qui"

Inter, Guarin: "Fernando e Rolando sarebbero i benvenuti qui"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 16 gennaio 2013, 20:232013
di Claudio Colla

Protagonista di una grande stagione con la maglia dell'Inter, dopo un inizio di campionato ostacolato dagli infortuni che lo avevano limitato, il 26enne centrocampista colombiano Fredy Guarin, intervistato da Sport Mediaset, ha parlato a tutto campo del momento neroazzurro, toccando anche l'argomento mercato, con particolare riferimento al mediano brasiliano Fernando e al difensore centrale portoghese Rolando, obiettivi neroazzurri e suoi ex-compagni tra le file del Porto. Questo quanto riportato sulle pagine del sito ufficiale della società meneghina: "Se arriva un mio gol è bellissimo, ma l'importante è la vittoria della mia squadra. Mi sento bene e sto lavorando per mantenere questo livello e migliorare.

Ieri col Bologna non era normale giocare per 120 minuti una partita cosi; è stato normale invece aver avvertito fatica alla fine, ma è stata solo quella. Avremmo potuto vincere nei 90 minuti, ma non è stato così: abbiamo rischiato un po', poi con l'esperienza e la voglia della nostra squadra abbiamo avuto la meglio. Dobbiamo sempre avere la consapevolezza di essere l'Inter, e quindi aver sempre voglia di vincere. Adesso affrontiamo la Roma, speriamo di fare una bella partita. Solo sconfitte in trasferta dopo la vittoria di Torino contro la Juventus? Non credo in una maledizione, ma credo nel nostro lavoro, nel mio, in quello del mister e dei miei compagni. Tutto quello che sto vivendo con l'Inter mi dà sempre maggiori responsabilità. Speriamo di arrivare il più in alto possibile, sempre concentrandoci partita dopo partita.

Fernando e Rolando? Se arrivano dei giocatori che vogliono fare bene, qui saranno i benvenuti. Ivan Cordoba (attuale team manager interista, ndr)? Per me è stato importantissimo, lui in Colombia è un idolo, ha scritto il suo nome nelle pagine del calcio, e io devo imparare da lui.

Chiosa su Sneijder: "Conosciamo Wesley sia come calciatore che come persona, speriamo possa prendere la migliore decisione per la sua carriera e per la sua vita".