Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Kone incanta e trascina il Bologna. Giusto dar fiducia a Pioli

Kone incanta e trascina il Bologna. Giusto dar fiducia a PioliTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 31 ottobre 2013, 07:102013
di Daniel Uccellieri

Vince e convince il Bologna di Stefano Pioli, al secondo successo consecutivo. 3-0 sul difficile campo del Cagliari, al termine di una gara dominata dal primo minuto. Certo, l'ingenuità di Murru che ha lasciato i suoi in 10 per gran parte della ripresa, ha certamente aiutato il Bologna, anche se la gara, dopo il gol di Garics, era in mano ai ragazzi di Pioli. Un Pioli che fino alla scorsa giornata sembrava ad un passo dall'esonero, ed ora, appena quattro giorni dopo, porta la squadra a quota nove punti, agganciando Sampdoria e Livorno ed uscendo dalla zona calda della classifica.
In un calcio dove i tecnici troppo spesso pagano con l'esonero (l'ultimo caso porta il nome di Maran, e non sembra che le cose siano migliorate così tanto a Catania), il Bologna ha avuto la forza di credere nel proprio tecnico, permettendogli di continuare a lavorare con la squadra per correggere gli errori che erano emersi in questo avvio di campionato.

Il tecnico del Bologna ha saputo trasmettere la giusta carica ad un gruppo solido e composto da ottimi elementi. Uno su tutti, Panagiotis Kone. La crescita del greco è costante, da quando indossa la maglia del Bologna è migliorato esponenzialmente: contro il Cagliari, con indosso la fascia di capitano (per l'assenza di Diamanti) si è caricato la squadra sulle spalle ed ha fornito una prestazione maiuscola. Oltre al pregevole gol, tante ottime giocate, compreso il tiro (non così irresistibile per la verità) dal quale è nato il gol di Garics, complice l'errore di Agazzi. Un giocatore completo, nel pieno della maturità agonistica. A gennaio sicuramente non si muove, ma in estate, se continuerà su questi livelli, qualche squadra di alta classifica potrebbe bussare alle porte del Bologna...