Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lewandowski re di Coppe

Lewandowski re di CoppeTUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 23 ottobre 2013, 07:252013
di Andrea Losapio

Poteva essere un lampo isolato, quello di Robert Lewandowski, lo scorso aprile. Quando aveva distrutto il Real Madrid con quattro reti, una più bella dell'altra - rigore a parte - e portato il Borussia Dortmund a giocarsi una Champions League 15 anni dopo l'ultima affermazione. Certo, l'estate scorsa è stata tutt'altro che semplice, perché il centravanti polacco ha deciso di svincolarsi per raggiungere il Bayern Monaco - la sua firma è ancora ufficialmente da apporre, ma alla fine è un segreto di Pulcinella - a fine 2014, dopo che le offerte dei bavaresi non avevano smosso la dirigenza giallonera. Così Lewandowski è rimasto, per tentare l'assalto (una volta di più) alla coppa dalle grandi orecchie. E magari al Meisterschale già vinto due volte in carriera, proprio con la maglia dello squadrone della Ruhr, ma che l'anno scorso ha cambiato padrone come più o meno tutti i trofeo continentali. Guardiola lo avrebbe voluto perché Lewandowski è un vero Re di Coppe, e la serata di ieri - con il gol del 2-1 all'Emirates Stadium - non fa altro che confermarlo. Alla fine il centravanti è rimasto a secco solo a Napoli, fermato dalla bravura di Reina con un'uscita a valanga, ma poi ha fatto il suo dovere in pieno, dando il la al secondo posto parziale nel girone.

In questo momento gli azzurri sarebbero fuori, e un girone uguale - seppur fantastico - rispetto a quello sviluppatosi all'andata potrebbe dare un risultato beffardo.
Va da sé che il girone del Napoli avrà bisogno di un padrone già dalla prossima partita, quella del Signal Iduna Park, che potrebbe essere decisivo ai fini della qualificazione. Una vittoria degli azzurri al San Paolo potrebbe rappresentare quel passaggio del turno che alla vigilia sembrava davvero fuori dai canoni del Napoli, come due anni fa nel girone con Manchester City, Bayern Monaco e appunto Villarreal. Obiettivamente servirà un'impresa per fermare il Borussia, come servirà una grande prestazione per vincere contro l'Arsenal al San Paolo. Ora, più del match con i transalpini - formalità? - servirà non perdere entrambe le gare, per sperare ancora nella Champions. Perché, nonostante Lewandowski e un Arsenal da Formula 1, sarebbe davvero un peccato rimanere fuori dall'Europa che conta.