Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Galli: "Grande orgoglio per De Sciglio in prima squadra"

Milan, Galli: "Grande orgoglio per De Sciglio in prima squadra"TUTTO mercato WEB
© foto di PhotoViews
venerdì 18 gennaio 2013, 18:042013
di Matteo Calcagni

Filippo Galli, Responsabile del Settore Giovanile rossonero, è intervenuto telefonicamente a Passione Rossonera su Radio Radio. Si è parlato di Mattia De Sciglio, dei ragazzi milanisti e della situazione giovani in Italia: "E' un piacere enorme che De Sciglio sia arrivato in prima squadra e che abbia occupato il posto da titolare con buonissimi risultati. E' un orgoglio per tutto il settore giovanile. Qualcun altro in prima squadra oltre a Cristante e Petagna? Si potrebbe pensare a Benedicic. Viene da un problema al gionocchio, ma è un giocatore di prospettiva e ha un po' tutto, tecnica e forza. Arrivare in prima squadra e giocare a San Siro non è mai facile, oltre ad avere qualità tecniche bisogna avere qualità morali ed una voglia che non finisce mai. Inzaghi? Quando ha deciso di allenare si è messo a piena disposizione del settore giovanile e della nostra medotologia di lavoro.

Dal punto di vista professionale è indubbiamente un esempio per i ragazzi. La situazione in Italia? Non è facile portare giovani in prima squadra. Il campionato Primavera non prepara per il salto, sono veramente pochi quelli che ci riescono subito. Devono fare dei percorsi in prestito e poi si rischia di perdere ragazzi che poi si dimostrano giocatori di Serie A. Le squadre B? Siamo ancora lontani. Quando si cedono giocatori in prestito, poi c'è la valorizzazione, con costi davvero importanti, poi il progetto sportivo del club di proprietà non sempre coincide con quello che riceve il prestito".