Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Napoli, Cannavaro: "Cavani capitano? Mi vien da ridere..."

Napoli, Cannavaro: "Cavani capitano? Mi vien da ridere..."TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 24 gennaio 2013, 13:592013
di Gianluca Losco

Ufficialmente rientrato a disposizione di Walter Mazzarri, Paolo Cannavaro non è sceso in campo nella trasferta di Firenze ma è pronto a riprendersi la fascia da capitano dopo le note vicende del calcioscommesse. Oggi il difensore ha parlato in un'intervista rilasciata a Radio Marte; ecco quanto riportato da tuttonapoli.net: "Noi eravamo gli stessi anche durante la pausa, ci allenavamo col sorriso sulle labbra ma il giorno del ritiro diventava tutto più pesante e triste. Ho sopportato troppo quello che è successo in questi mesi, l'importante che tutto si è risolto. Un'ingiustizia? Non credevo potesse capitarmi. Quello che ho passato non è stato bello, gridavo ma nessuno mi ascoltava, andrebbero riviste delle regole. Poteva essere una macchia sulla nostra carriera oltre ad una grande ingiustizia. Io e Gianluca siamo usciti puliti insieme alla società. E' questa la nostra soddisfazione più grande. Il giorno della sentenza? Ero sul divano a casa mia, ho ricevuto tante chiamate, ma appena ho saputo della sentenza ho pianto, erano lacrime di gioia le mie.

Patteggiamento? Non l'ho mai presa in considerazione un'ipotesi del genere. Non ero colpevole, non potevo patteggiare, ero estraneo. Il Napoli visto a Firenze? La Fiorentina ci ha affrontati con timore, il mister è un vincente, il pareggio non serve a nulla soprattutto per una squadra che vuole vincere. Il cambio del mister al Franchi ci ha dato una spinta in più, le sue mosse possono incidere sul nostro rendimento in campo. Cavani capitano? Mi vien da ridere, ogni anno dovrei darla a qualcuno, prima parlavano di Lavezzi, poi di Hamsik poi ora di Cavani. Sta sul mio braccio, credo sia una scelta comune, sta bene con me. Edi la meriterebbe, è un grande professionista. Però sono napoletano, sono cresciuto qui e tifo per il Napoli, credo sia una bella soddisfazione. Poi non decido io ma il gruppo".