Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Seedorf a gamba tesa: "Via dal Milan per colpa di Allegri"

Seedorf a gamba tesa: "Via dal Milan per colpa di Allegri"TUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
giovedì 31 ottobre 2013, 19:432013
di Antonio Vitiello

Intervistato dalla tv brasiliana SporTv, Clarence Seedorf torna a parlare del suo addio al Milan: "Il motivo per cui sono andato via dal Milan è stato, senza dubbio, per via del suo attuale tecnico, Massimiliano Allegri. I rapporti con lui non erano al massimo, non c'era grande feeling. Mi faceva giocare le grandi partite come quelle contro Barcellona o Juventus e poi non venivo schierato in campo per altre quattro. Io ero abituato a giocare sempre. Quando abbiamo vinto lo scudetto penso di aver dato il mio contributo, soprattutto nella parte finale. Nel Milan ci sono stati giocatori che hanno giocato anche in la con gli anni. Ma stando fuori, agli occhi del mondo sembrava che io non fossi al top dal punto di vista fisico - riporta MilanNews.it -. Se vuoi rimanere in forma, anche se non sei più giovanissimo, devi giocare con regolarità per mantenere i muscoli al top. L'esempio sono Scholes e Giggs che hanno continuato a giocare anche se sono un po' in la con gli anni.

E Allegri questo non me lo permetteva. Fu un peccato. Il mio caso non è stato come quello di Nesta e Maldini. Il Milan ora si sta rinnovando, ha meno qualità e ci vorrà tempo prima che torni ai livelli di un tempo. Sono quasi alla fine del corso da allenatore, mi sto preparando. Ma non c'è ancora nulla di concreto. La voglia è quella di continuare a giocare a calcio. In merito al mio ruolo, quando giocavo nel Milan, c'erano dei giocatori come Rui Costa e Kakà che prediligevano giocare sulla trequarti e così ho fatto la mezz'ala e mi sono adattato alle esigenze della squadra".