Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Tutto su Juventus-Genoa: terzo tecnico per il Grifone, sognando Icardi

Tutto su Juventus-Genoa: terzo tecnico per il Grifone, sognando IcardiTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 26 gennaio 2013, 10:152013
di Simone Lorini

Il Genoa mette in atto l'ennesima rivoluzione tecnica dell'era Preziosi, cambiando per la terza volta allenatore in queste ventuno giornate e rimettendo ulteriormente a nuovo la squadra con acquisti a cascata sul mercato. Il terzultimo posto pesa come un macigno sulle spalle della squadra, che non riesce ad esprimersi come vorrebbe e potrebbe: e allora via Delneri, spazio alla vecchia conoscenza Ballardini, chiamato al capezzale del Grifone per curare quello che sembra essere un insanabile male recondito. L'esordio tuttavia non sarà dei più facili per il tecnico ravennate, coi rossoblù che stasera andranno a far visita alla temibile capolista nonchè campione in carica Juventus, ulteriormente galvanizzata da una settimana vissuta sull'onda dell'entusiasmo per il rinnovo di Buffon, ma appesantita dalla dura sfida giocata contro la Lazio martedì e valida per la Coppa Italia. Forse troppo poco per sperare concretamente di espugnare lo Juventus Stadium, ma l'esempio dato dei cugini doriani tre settimane fa non può essere ignorato nè dimenticato. Il 6 gennaio scorso il giovane Icardi fece saltare il banco scoprendo più di una magagna nella macchina perfetta bianconera: a Immobile e Borriello non resta che imitarlo.

COME ARRIVA LA JUVENTUS - Conte recupera Giovinco ma non Pirlo, ancora indisponibile e non convocato, col giovane Beltrame ancora aggregato alla prima squadra per mettere una pezza a infortuni e assenze varie. In difesa l'assenza di Chiellini verrà sopperita da Caceres, mentre sulla fascia mancina De Ceglie sarà confermato al posto di Asamoah, ancora in Coppa d'Africa, mentre Pogba giocherà al posto di Pirlo al fianco di Vidal e Marchisio. In attacco, al fianco di Vucinic, Quagliarella dovrebbe vincere il ballottaggio con Matri, con Giovinco inizialmente risparmiato e pronto a subentrare dalla panchina.

COME ARRIVA IL GENOA - Nonostante il cambio in panchina, i rossoblù continuano a preferire il 4-4-2 come vestito tattico: Ballardini è intenzionato a schierare nell'undici titolare tre nuovi acquisti come Pisano, Manfredini e Matuzalem, mentre Olivera, Floro Flores e Nadarevic saranno inizialmente in panchina e i freschissimi arrivi Portanova e Acerbi assisteranno dalla tribuna alla prova dei nuovi compagni contro la capolista. Davanti confermata la coppia Immobile-Borriello, sulle fasce di centrocampo Bertolacci e Rossi.

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Caceres; Lichtsteiner, Vidal, Pogba, Marchisio, De Ceglie; Vucinic, Quagliarella.
A disposizione: Storari, Rubinho, Peluso, Isla, Marrone, Giaccherini, Padoin, Matri, Giovinco, Beltrame.
Allenatore: Conte.

GENOA (4-4-2): Frey; Pisano, Granqvist, Manfredini, Moretti; Rossi, Kucka, Matuzalem; Bertolacci; Immobile, Borriello.
A disposizione: Tzorvas, Donnarumma, Bovo, Sampirisi, Nadarevic, Tozser, Olivera, Antonelli, Floro Flores, Said.
Allenatore: Ballardini.