Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, Politiano: "Muriel è un potenziale fenomeno"

Udinese, Politiano: "Muriel è un potenziale fenomeno"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
mercoledì 16 ottobre 2013, 10:442013
di Chiara Biondini

L'osservatore dell'Udinese ed ex giocatore della Roma, Roberto Policano, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo, per parlare del suo lavoro nel club friulano e delle prospettive di campionato dei giallorossi di Rudi Garcia.

"L'Udinese ha un uomo di fiducia per ogni Paese del Sud America, poi la rete si allarga e nasce un lavoro enorme e organizzato in modo perfetto, grazie soprattutto alla grande conoscenza calcistica del presidente Pozzo".

"Forse il giocatore che mi ha dato più soddisfazione è stato Muriel. Ce lo avevano segnalato, lo vidi dal vivo in Sud America, nel Mondiale di categoria, abbiamo puntato su di lui, riteniamo sia potenzialmente un fenomeno".

"A Roma ho vissuto un biennio che non dimentico. Magari per rendimento non si è visto il miglior Roberto Policano, ma sono stati due anni intensi. Iniziammo una rincorsa con tante vittorie consecutive, poi due sconfitte e la frenata, ma l'esperienza giallorossa non la dimentico".

"Benatia al primo impatto ti dà la sensazione che sia lento. Capitò di pensarlo anche a me quando li vidi la prima volta. Nei primi due metri magari concede qualcosa all'avversario, poi però ti recupera con ferocia, e sta contribuendo alla compattezza difensiva della Roma. Prendemmo Mehdi dal Clermont, Serie B francese. Si capiva subito che si caratterizzava per grinta, determinazione, cattiveria. Benatia è un grande giocatore".

"La Roma qualitativamente c'è sempre stata. Con Garcia e con la capacità della società di saper ricompattare il gruppo, la squadra vince e vince sempre senza soffrire. Si diceva: con le prime grandi sfide inizierà a soffrire. Poi arriva l'Inter e gli rifila tre gol. Totti sembra un bambino di venti anni. La squadra fa paura e inizia a spaventare le avversarie. La stessa Juventus ritengo che si stia iniziando a preoccupare della Roma. Che venerdì sarà leggermente favorita sul Napoli".