Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ag. Biava: "Rinnovo? Aspettiamo la Lazio, non c'è una dead-line"

Ag. Biava: "Rinnovo? Aspettiamo la Lazio, non c'è una dead-line"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 16 marzo 2014, 15:342014
di Marco Frattino

In forza alla Lazio dal 2010 e in scadenza nel prossimo giugno, Giuseppe Biava (36) potrebbe estendere il contratto col sodalizio biancoceleste anche per la prossima stagione. A rivelarlo ai microfoni di Lazionews.eu è stato l'agente Giorgio Parretti, che ha fatto il punto sul suo assistito: "Beppe ha un contratto di un anno, continueremo a farlo per la terza volta se la società vorrà, perché se sta bene gioca, nel momento nel quale dovesse dire 'non ce la faccio più' non potremmo mettere nessuno in croce. Incontro con la dirigenza laziale nella prossima settimana? No. Io la settimana prossima un salto lo farei volentieri, però non ho ancora sentito Lotito perché non l'ho cercato. In genere ci vediamo ad aprile ma devo anticipare perché ho un impegno e dopo non ci sono. Devo capire prima quali sono le intenzioni. Se è stato fissato un termine ultimo? Assolutamente no.

Noi l'anno scorso abbiamo rinnovato dopo la Coppa Italia. Lo vogliono ancora in tanti. A un certo punto, siccome non c'è più l'opzione come gli altri anni, lavoreremo e ascolteremo chiedendo 'cosa volete fare'. Punto. Assolutamente nessuna dead-line. Nel momento in cui il giocatore non dovesse essere preso in considerazione dalla Lazio ci metto poco per trovargli una sistemazione, perché non proporrei uno sconosciuto".