Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

...con Pisacane

...con PisacaneTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 20 marzo 2014, 00:002014
di Alessio Alaimo
"Inter, D'Ambrosio troverà spazio: Mazzarri pretende tanto dagli esterni. Napoli, stasera giochi in dodici. Fernando? Inghilterra e Germania hanno più appeal"

Danilo D'Ambrosio è stato uno dei colpi di Erick Thohir nel mercato di gennaio. Poco spazio fin adesso per l'esterno destro, che punta a conquistare un posto da titolare piano piano, lavorando come ha fatto in questi anni fino a conquistare la chiamata nerazzurra. Ne parla a TuttoMercatoWeb il suo agente, Vincenzo Pisacane.

Pisacane, saranno i mesi di D'Ambrosio. Pensando ad imporsi negli anni, all'Inter.
"Il gioco di Mazzarri si sviluppa sugli esterni. E dagli esterni il tecnico pretende tanto. Danilo ha avuto la sua opportunità, penso che gli verranno date altre opportunità"

Al Torino pensava al Mondiale. Adesso è un po' più difficile. Obiettivo azzurro dopo Brasile 2014?
"Prandelli non gli ha mai dato la possibilità di farsi vedere, ma tutti i giocatori devono pensare alla Nazionale. Incrociamo le dita...".

Che Inter si aspetta da qui alla fine?
"Una squadra come l'Inter deve sempre puntare al massimo, il terzo posto è lontano: probabilmente l'idea è arrivare quarti".

Stasera il Napoli sfida il Porto.
"Si gioca in dodici, il pubblico sarà importante. Alla fine gli azzurri ribalteranno il risultato e si qualificheranno".

Porto che è vera fucina di talenti. Alcuni erano finiti nel mirino del Napoli...
"Jackson Martinez è stato vicinissimo, giovedì scorso è stato decisivo. Proverà ancora a mettersi in mostra. Il Porto ha sempre coltivato campioni, è una squadra che ha dato giocatori ai top club del mondo".

Fernando e il mercato: Italia nel destino?
"In Italia non abbiamo più né l'appeal e né le disponibilità di una volta. I campionati che danno più garanzie sono quello inglese e quello tedesco. La maggior parte dei campioni va via dall'Italia per andare a giocare all'estero".

Serie B: il Varese di Pavoletti fatica.
"Purtroppo quest'anno il Varese non è riuscito a ripetersi, nel calcio può capitare. Tutta la squadra, compreso Pavoletti, ne risente. Ora è tornato Sottili, con il quale Leonardo aveva fatto bene. Mi dispiace per Gautieri, ma può succedere anche questo. Faccio un grande in bocca al lupo al Varese. Leonardo si riprenderà, continuerà a fare gol in tutte le categorie. E spero che il prossimo anno possa fare gol in serie A".

Da un D'Ambrosio all'altro: Dario, in attesa di tornare in campo punta alla B, con il Lecce trascinato da Miccoli.
"Vuole tornare nel calcio che merita. Insieme ad una piazza, una squadra, una società, che meritano qualcosa in più della Lega Pro. L'allenatore è preparato, il Lecce sta facendo un ottimo campionato e spero che ritorni in serie B. E per Dario spero che torni al più presto in campo. Per quanto riguarda Miccoli fa la differenza in A, figuriamoci in Lega Pro. Poi Lecce è casa sua, gli vogliono tutti bene. È il Maradona di Lecce".

Meola: quale futuro?
"Ho parlato recentemente con il direttore sportivo Ursino, mi ha detto che vogliono riscattarlo. Troverà spazio. Il prossimo anno resterà al Crotone".

Anastasio e il contratto con il Napoli: quando?
"Ne stiamo parlando con il Napoli, vedremo. Redknapp lo apprezza, ha detto che è un giocatore di prospettive. Ma in questo momento, soprattutto dopo la convocazione in Nazionale, pensa a finire la stagione bene".

Per il futuro voci positive attorno a Mandragora.
"Ha sedici anni, ma ha una grande maturità. Arriverà in alto, nei prossimi anni ne sentiremo parlare".

Fabbro, pilastro dell'Avellino.
"È una garanzia, a trentatré anni sembra un ragazzino di venti. Sta facendo vedere che potrebbe anche ambire alla serie A. Purtroppo l'età non è dalla sua, ma si sta rivelando uno dei migliori difensori della B. È un idolo del calcio avellinese, a fine stagione si vedrà. Ma non penso che ci saranno problemi. All'Avellino c'è anche Angiulli la società ha fatto bene a blindarlo con un contratto pluriennale: non sta trovando molto spazio, è normale che ci sia tanta concorrenza, ma è un centrocampista di grosse prospettive".