Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Decide il solito Muller, Germania agli ottavi: Usa avanti col minimo sforzo

Decide il solito Muller, Germania agli ottavi: Usa avanti col minimo sforzoTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 26 giugno 2014, 19:572014
di Antonio Gaito

Germania ed Usa insieme agli ottavi come previsto. All'Arena Pernambuco di Recife trionfa la selezione di Low, che batte gli Stati Uniti con un gol del solito Muller e si conferma prima, ma a chiudere secondi sono proprio gli statunitensi che fanno valere la miglior differenza reti sul Portogallo, vittorioso nell'altra gara del girone. A favorire gli Usa è, senza troppi giri di parole, il ko per 4-0 subito dal Portogallo all'esordio proprio contro i tedeschi che pesa sulla differenza reti.

IL PROTAGONISTA - Sempre lui, Thomas Muller. L'attaccante batte Howard con un piattone sul palo lontano e si porta a nove gol realizzati in nove partite al Mondiale. Ventuno totali con la Germania. Klose e Ronaldo guidano la classifica a 15 reti, ma ora è più di una sensazione che loro record sia in bilico.

LA MOSSA VINCENTE - La gara non vede le squadre giocare a ritmi altissimi. Gli Usa non hanno alcuna intenzione di scoprirsi, considerando che il primo obiettivo è evitare un passivo importante per rimettere in discussione la differenza reti, e quindi la Germania ha la strada spianata per il proprio possesso palla sul modello Bayern.

POTEVA FAR MEGLIO - Gli Stati Uniti nel complesso potevano fare molto di più. Considerando il netto vantaggio nella differenza reti sul Portogallo, la sensazione è che la squadra di Klinsmann a tratti abbia preferito contenere. L'obiettivo era passare e spingere oltre il dovuto poteva portare la Germania a chiudere anche con qualche gol in più.