Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

C. Pin su Borgonovo: "Il suo sorriso ci mancherà per sempre"

ESCLUSIVA TMW - C. Pin su Borgonovo: "Il suo sorriso ci mancherà per sempre"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 27 giugno 2014, 13:022014
di Pietro Lazzerini

Ad un anno dalla scomparsa di Stefano Borgonovo, la redazione di Tuttomercatoweb.com ha voluto ricordare il grande uomo non che grande campione, grazie alla voce di un suo grande amico e compagno di camera ai tempi della sua esperienza alla Fiorentina, ovvero Celeste Pin:

Un anno fa ci lasciava Borgogol, cosa manca di più?

"Manca il riferimento per tante persone. Era lui il vero trascinatore in questa battaglia difficilissima e durissima contro la Stronza, contro quella malattia che ce lo ha portato via. Ci ha sempre messo la faccia anche quando la malattia lo stava consumando, spero che questo "sacrificio" abbia dato i suoi frutti. Se lo merita lui e se lo merita la sua famiglia".

A proposito di famiglia c'è nulla che vuole dire alla moglie e ai figli?

"Loro non si sono mai arresi, hanno continuato a lavorare nei valori di Stefano portando avanti la battaglia nei confronti della Stronza. Dico loro di non abbattersi mai e di continuare a lottare perché è quello che avrebbe voluto Borgonovo".

Ci può raccontare un aneddoto della sua amicizia con Borgonovo?

"Siamo stati compagni di stanza negli anni alla Fiorentina. Era un ragazzo positivo, che non si abbatteva mai. Nei miei momenti più difficili mi ha sempre aiutato a sorridere, era sempre pronto per tirarmi su di morale. Viveva il calcio da professionista ma sempre come un gioco. Non si deprimeva nella sconfitta né si esaltava nelle vittorie. Era veramente un grande amico e un grande uomo".

© Riproduzione riservata