Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Ferrante: "Cerci e Immobile non possono star fuori"

ESCLUSIVA TMW - Ferrante: "Cerci e Immobile non possono star fuori"
lunedì 17 marzo 2014, 14:292014
di Gaetano Mocciaro

Ai microfoni di Tuttomercatoweb Marco Ferrante, in vista di Torino-Napoli, ci dice la sua sui granata, che potrebbero privarsi in nome del turnover sia di Cerci che di Immobile: "Se fossi io a decidere non lo farei mai, ma evidentemente Ventura ha le sue buone motivazioni. Questa col Napoli è una partita che a inizio anno sulla carta sembrava proibitiva, ma vedendo il Toro di oggi e il Napoli da trasferta secondo me vale la pena provarci. E poi tra questa partita e quella col Livorno meglio avere Cerci e Immobile con gli azzurri. In fondo il Torino è in una posizione tranquilla di classifica e a meno che chi sta davanti non si suicidi non credo che possa andare in Europa League".

Forse Ventura vuole chiudere direttamente la questione salvezza col Livorno

"Ricordiamoci che il momento non è brillantissimo, la squadra ha perso 4 delle ultime 5 partite e una sconfitta col Napoli potrebbe pesare sul morale e di conseguenza anche nella preparazione della sfida col Livorno".

Come l'anno scorso il Torino è in flessione nella seconda parte della stagione

"Io mi auguro che non vada in picchiata, mancano ancora molte partite e mi auguro che i ragazzi non siano a corto di fiato. Manca un piccolo sforzo, sarebbe un peccato rovinare quanto finora ottenuto con merito e attraverso un bel gioco. I tifosi non pretendono l'Europa League ma almeno un ottavo-nono posto sarebbe un buon punto di partenza, anche perché dopo anni di sofferenza sarebbe giusto avere qualche gioia. D'accordo che noi del Torino siamo masochisti ma dopo un po' ci si stanca anche".

Cosa manca per il salto di qualità?

"Magari la rosa ancora non è sufficiente per arrivare in Europa, magari non si è abituati a stare così su e vengono le vertigini. La speranza è quella di prendere esempio di società come Parma e Udinese. Al momento rispetto a loro siamo indietro, sia a livello societario che di rosa. C'è da strutturarsi e mi auguro che entro due anni il Toro possa raggiungere quei livelli".

© Riproduzione riservata