Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Russia all'esordio, Trabucchi: "A Mosca entusiasmo esagerato"

ESCLUSIVA TMW - Russia all'esordio, Trabucchi: "A Mosca entusiasmo esagerato"
martedì 17 giugno 2014, 18:492014
di Gaetano Mocciaro

Ai microfoni di Tuttomercatoweb l'agente FIFA Marco Trabucchi, esperto di calcio russo, racconta l'aria che si respira a Mosca in attesa dell'esordio mondiale contro la Corea del Sud della selezione di Fabio Capello: "Sto riscontrando grandissima attesa per la partita, anche se si giocherà alle 2 di notte, col fuso orario. La partita d'esordio qui la sentono più che in Italia per la sfida contro l'Inghilterra. Detto questo si registra grande ottimismo che non so se è dovuto all'euforia geopolitica ed economica. A mio avviso è un ottimismo esagerato, perché il gruppo della Russia non è debole e con i coreani non è una partita scontata. Vero che i russi individualmente sono più forti, ma la Corea ha 3-4 giocatori di livello internazionale".

Russia che negli ultimi anni si è resa protagonista di clamorosi scivoloni

"il vantaggio di questa Russia è l'avere un allenatore come Capello che impedisce in qualsiasi modo i cali di tensione e ha preparato la squadra al meglio. La speranza è che Capello si inventi qualcosa per bloccare le sfuriate dei coreani, per cui se la Russia ha la possibilità di vincere sarà più per il genio tattico del suo ct".

Chi sono le stelle di questa Russia?

"Kokorin sicuramente, poi mi aspetto e spero nella maturazione a 24 anni di Dzagoev, che deve sfruttare l'infortunio del capitano Shirokov per diventare la stella. Proprio Shirokov è un'assenza pesantissima, ma ricordo che nel 2006 senza l'infortunio di Nesta non sarebbe entrato Materazzi e non saremmo probabilmente diventati campioni del mondo. Il Mondiale è strano e magari un'assenza come quella di Shirokov potrebbe risolversi in un vantaggio".

© Riproduzione riservata