Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il Brasile non convince, Ochoa protagonista: solo 0-0 per la Seleção

Il Brasile non convince, Ochoa protagonista: solo 0-0 per la SeleçãoTUTTO mercato WEB
martedì 17 giugno 2014, 22:532014
di Raimondo De Magistris

Il Brasile arranca. Le sensazioni dell'esordio di una Seleção non disposta al meglio sul terreno di gioco questa sera contro il Messico si sono trasformate in indizi. I padroni di casa, nonostante l'enorme mole di gioco offensivo, non sono riusciti ad andare oltre lo 0-0 contro una squadra molto più modesta in termini di tasso tecnico, ma con una fase difensiva ben organizzata.

IL MIGLIORE IN CAMPO - Inevitabile nota di merito per il portiere messicano. Questa sera ha parato tutto quello che c'era da parare rendendosi protagonista di almeno quattro interventi decisivi. Attualmente svincolato dopo l'avventura all'Ajaccio, Ochoa non avrà difficoltà a trovare contratto dopo la prestazione di questa sera. Tutte le squadre alla ricerca di un numero uno hanno preso appunti.

LA MOSSA VINCENTE - Herrera per la sfida contro i padroni di casa schiera la difesa a cinque e incarta l'attacco verdeoro. Il Brasile gioca una partita prettamente offensiva, ma spesso è troppo confusionario e favorisce il lavoro di una difesa messicana che non ha commesso sbavature. Il resto l'ha fatto Ochoa, di gran lunga il migliore in campo questa sera a Fortaleza.

POTEVA FARE MEGLIO - Più di qualche perplessità per gli interpreti scelti dal ct del Brasile, Felipe Scolari. Nel 4-2-3-1 praticamente impossibile rinunciare a calciatori come Fernandinho e Willian per far spazio a uno spaesato Paulinho. Ne ha risentito anche la fase difensiva, con la squadra che nel finale ha più volte rischiato il gol della beffa.