Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il Livorno riapre il campionato nel campionato, per il Bologna è crisi nera

Il Livorno riapre il campionato nel campionato, per il Bologna è crisi neraTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 17 marzo 2014, 07:202014
di Alessandra Stefanelli

È ormai un campionato nel campionato, quello che si gioca dalla quintultima posizione in giù. Un campionato in cui appare ancora tutto apertissimo a ogni avvenimento, ribaltone o conclusione, con un finale di stagione che si prospetta tutto da vivere. Escludendo momentaneamente il Cagliari dalla lotta per la salvezza (i cinque punti sul Chievo sembrano rappresentare un buon margine di vantaggio sulla zona calda), sono attualmente cinque le formazioni in corsa per due posti nella prossima Serie A. Chievo, appunto, Livorno, Bologna, Sassuolo e Catania. Finisse oggi il campionato, clivensi e amaranto sarebbero salvi, seppur con un margine davvero minimo sul baratro della retrocessione.

Una grossa zampata al campionato l'ha data ieri il Livorno, che ha piegato non senza sofferenze un Bologna brutto e spuntato. Dopo un primo tempo da sbadigli, il match si accende nella ripresa grazie alle reti di Benassi e Paulinho, che illudono i tifosi con la possibilità di un finale tranquillo. Non sarà così, gli amaranto si complicano la vita da soli e restano in doppia inferiorità numerica per le espulsioni di Mbaye ed Emeghara, entrambe ingenue ed evitabili. Ma questo Bologna, orfano di Diamanti e privo di qualcuno che - volgarmente - la butti dentro, non riesce a segnare nemmeno con due uomini in più. Il rigore di Christodoulopoulos illude, ma il pari non arriva.

Nonostante tutto i felsinei restano in vantaggio negli scontri diretti con gli amaranto in virtù del gol messo a segno in trasferta e la salvezza appare ancora alla portata. Ma da qui alla fine la formazione di Davide Ballardini non dovrà sbagliare davvero più nulla, così come non dovranno fallire Sassuolo, Chievo, Livorno e Catania. Tutto è ancora aperto a ogni conclusione.