Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il punto sulla Premier League - Le prime tre sono sempre più sole

Il punto sulla Premier League - Le prime tre sono sempre più soleTUTTO mercato WEB
© foto di Francesca Ceciarini
lunedì 20 gennaio 2014, 09:152014
di Simone Lorini

Accresce ulteriormente il solco tra le prime tre della classifica in Premier League e il resto del gruppo, ora distante come minimo 6 punti, quelli che intercorrono tra la 3^, il Chelsea e la 4^, il Liverpool.

Merito dell'Arsenal, che sconfigge il Fulham in casa dopo un primo tempo generoso ma con rari spunti offensivi ed una ripresa molto più cinica. Vittoria ottenuta grazie ad una doppietta di Cazorla nel giro di cinque minuti ad inizio secondo tempo. La capolista continua così la propria corsa in vetta.

Merito del Manchester City che ne rifila 4 al Cardiff e continua a volare in classifica gol fatti e non solo, nonostante le due reti avversarie ad opera di Noone e Campbell. Fondamentale per Pellegrini il ritorno in campo e al gol di Aguero, in gol dopo 16 minuti dal suo ingresso sul rettangolo verde. Di Dzeko, Tourè e Navas le rimanenti segnature.

Merito del Chelsea, che dà l'ennesima lezione stagionale al Manchester United, liquidato in poco più di un tempo a Stamford Bridge: merito di una tripletta di Eto'o, a cui risponde nel finale l'unica rete Red Devils ad opera del Chicharito Hernandez. Per Mourinho è il 100° successo in Inghilterra.

Demerito del Liverpool, che si fa ingabbiare dall'Aston Villa, in grado di passare in vantaggio per 2-0 ad Anfield Road per poi farsi rimontare nella ripresa per effetto delle reti di Sturridge e Gerrard. Risale il Tottenham, grazie a un super Adebayor, rinato sotto la gestione Sherwood: è 1-3 al Liberty Stadium di Swansea. Sblocca la gara nel primo tempo proprio il togolese, che entra anche nell'azione che porta al raddoppio, su autorete di Chico. Tris, ancora di Adebayor, nella ripresa per gli Spurs, che nel finale concedono però la rete della bandiera a Bony, autore del settimo gol stagionale in Premier League. Il Newcastle ritrova la vittoria a Londra, sconfiggendo grazie a due reti in apertura il combattivo West Ham di Allardyce, vicino al pari nel finale ma sprecone sotto porta. Il rientro di Carroll non porta bene ai londinesi, che nel finale subiscono anche il tris, ancora per mano di Cabaye. Vittoria fondamentale per il Crystal Palace, che ringrazia Puncheon, protagonista in negativo una settimana fa e decisivo invece sabato per i Glaziers, con la rete che consegna a Pulis i tre punti contro il suo ex club. Comincia malissimo invece "l'era" della coppia offensiva Long-Jelavic per l'Hull, che cede in trasferta al Norwich City, in grado di passare a due minuti dal termine grazie a Bennet. 2-2 tra Sunderland e Southampton allo Stadium of Light, nell'anticipo del lunchtime, con la rimonta dei Black Cats a frustrare la voglia di tornare alla vittoria dei Saints, in vantaggio 2-0 già dopo mezz'ora grazie a Rodriguez e Lovren. Fabio Borini, un minuto dopo riapre la gara con la rete dell'1-2, che manda le squadre negli spogliatoi distanti un solo gol. A metà ripresa, lo scatenato Adam Johnson, 4 gol nell'ultima settimane, fissa il risultato sul definitivo 2-2, regalando un punto prezioso ai suoi.

CLASSIFICA: Arsenal 51, Manchester City 50, Chelsea 49, Liverpool 43, Tottenham 43, Everton 41*, Manchester United 37, Newcastle 36, Southampton 31, Aston Villa 24, Hull City 23, Norwich City 23, Stoke City 22, Swansea City 21, WBA 21*, Crystal Palace 20, Fulham 19, Cardiff City 18, West Ham 18, Sunderland 18.
* una partita in meno