Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il punto sulla Premier League - Mou tiene la vetta, lo United rinasce

Il punto sulla Premier League - Mou tiene la vetta, lo United rinasceTUTTO mercato WEB
© foto di Imago/Image Sport
lunedì 15 settembre 2014, 09:002014
di Vito Aulenti

Prosegue senza soste la marcia inarrestabile della capolista Chelsea, che continua a mietere vittime e a macinare punti. Il bersaglio di turno è il generoso Swansea, che allo Stamford Bridge regge solo un tempo (andando peraltro in vantaggio all'11' grazie ad un autogol di Terry), per poi crollare letteralmente nella ripresa sotto i colpi di un Diego Costa illegale, già capocannoniere assoluto del torneo con sette reti in sole quattro giornate. La seconda forza del campionato, distante soltanto due lunghezze dai Blues, è la sorpresa Aston Villa, capace di vincere di misura ad Anfield contro un brutto Liverpool: la rete ad inizio gara di Agbonlahor basta e avanza per portare i tre punti a casa e continuare a sognare. Oltre ai Villans, a stupire è pure lo spumeggiante Southampton di Koeman, che vince e convince anche con il Newcastle, abbattuto dalle segnature di Cork, Schneiderlin e soprattutto dalla doppietta di Pellé, il quale è già a quota tre centri in Premier League. Gioca bene, ma non conquista l'intera posta in palio il Tottenham, che, tanto bello quanto sprecone, in casa del Sunderland (tra le cui fila fa il suo esordio l'ex Inter Ricky Alvarez) si fa raggiungere per ben due volte dai Black Cats, perdendo l'opportunità di balzare direttamente al terzo posto. A pari punti con gli Spurs, ci sono i campioni in carica del Manchester City, che escono indenni dall'Emirates dopo 90' di spettacolo puro con l'Arsenal: è Demichelis, nel finale, ad evitare la sconfitta, fissando il punteggio sul 2-2 con un colpo di testa che fa secco l'incolpevole Szczesny.

Immediatamente sotto i Gunners, troviamo in graduatoria il rinato Manchester United, rinvigorito dall'apporto dei nuovi acquisti Di Maria, Blind, Herrera e Rojo, e finalmente vittorioso: la vittima del primo successo stagionale dei Red Devils è il malcapitato QPR dell'ex di lusso Rio Ferdinand, che esce dall'Old Trafford con quattro ceffoni e con qualche certezza in meno. A pari punti con lo United, ci sono Everton e Leicester, entrambe reduci da importanti successi esterni, rispettivamente contro WBA e Stoke City. Il ruolo di finalini di coda - assieme a Newcastle e West Bromwich - in questo momento tocca a Crystal Palace e Burnley, affrontatesi giustappunto sabato nello scenario del Selhurst Park: lo 0-0 accontenta i londinesi, un po' meno i Claret, ancora increduli di fronte all'errore dal dischetto di Arfield proprio negli istanti finali di gara.

CLASSIFICA: Chelsea 12, Aston Villa 10, Swansea City 9, Southampton 7, Manchester City 7, Tottenham 7, Liverpool 6, Arsenal 6, Manchester United 5, Everton 5, Leicester City 5, Hull City 4*, Stoke City 4, Sunderland 3, West Ham 3*, QPR 3, Crystal Palace 2, Burnley 2, WBA 2, Newcastle 2.
* 1 partita in meno