Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Insidia spagnola: la Juve e le italiane sull'attenti

Insidia spagnola: la Juve e le italiane sull'attentiTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 30 settembre 2014, 08:152014
di Gianluigi Longari

La minaccia arriva dall'estero, da un club in espansione che già in più di una circostanza è riuscito a far vacillare a volte in maniera decisiva le nostre società. L'Atletico Madrid, del resto, è una realtà attestatasi tra le più importanti a livello continentale, e con l'ausilio del fondo di investimento che la controlla può dire la sua a gran voce su qualsiasi trattativa in grado di destare un ragionevole interesse nella ristretta cerchia di cui i colchoneros fanno ormai parte. Nulla da obiettare, se solo i riflettori dei madrileni non si siano posizionati da diverso tempo sui gioielli di casa nostra, e dopo l'assalto fallito ad Icardi e Scuffet e quello riuscito ad Alessio Cerci, la minaccia torna d'attualità per due dei centravanti del futuro azzurro. Dalla Spagna sono infatti certi che tanto Simone Zaza quanto Manolo Gabbiadini rappresentino delle priorità per il futuro prossimo del club allenato dal Cholo Simeone, al punto da considerare inevitabile lo sviluppo di una trattativa con chi detiene il controllo dei cartellini dei due calciatori.

Un discorso che rimanda inevitabilmente anche alla Juventus, che vanta il diritto di riscattare per 18 milioni la proprietà del bomber del Sassuolo, e che continua a possedere la metà dei diritti sportivi del trascinatore della Sampdoria in questo avvio di campionato. Situazione che da un lato nobilita la lungimiranza dei dirigenti del club campione d'Italia, ma dall'altro rende palesemente più difficili trattative già tutt'altro che agevoli. I riscontri del campo, del resto parlano chiaro: al nostro calcio l'opportunità di dimostrarsi padrone del proprio talento rispedendo al mittente ogni genere di offensiva.