Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Italia: Prandelli in pellegrinaggio per la qualificazione

Italia: Prandelli in pellegrinaggio per la qualificazioneTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 14 giugno 2014, 08:452014
di Redazione TMW.
fonte Marco Signorelli per qsvs.it

Sono in molti a credere che l'Italia possa fare bene in questo Mondiale solo grazie a un intervento soprannaturale. In cuor suo forse ne è convinto anche Cesare Prandelli, che promette di andare in pellegrinaggio al santuario di Nostra Signora di Aparecida, patrona di San Paolo, in caso di qualificazione agli ottavi di finale.
Non è la prima volta che il commissario tecnico fa un fioretto auspicando buoni risultati per i suoi ragazzi, ad esempio era successo anche due anni fa, in occasione degli Europei in Polonia e Ucraina. Quella volta la destinazione scelta era stata la località polacca di Wieliczka, dove Prandelli si era recato ben tre volte, dopo avere superato gli ottavi, i quarti e la semifinale.

Più forti della fede però si erano dimostrati Xavi, Iniesta e compagni, perché non sempre il Divino ascolta le nostre preghiere, come sa bene un altro ex ct molto devoto, Giovanni Trapattoni, che con la sua acqua santa in Corea e Giappone aveva provato a portare gli azzurri oltre ogni ostacolo, scontrandosi però contro l'insormontabile Byron Moreno.
A essere sinceri il traguardo degli ottavi non è poi neanche così ambizioso, inoltre Prandelli precisa che non coprirà a piedi tutti i 200 chilometri di strada fino al santuario, ma solo l'ultima ventina. Chissà però che in caso di cammino fruttuoso nella competizione non possa essere aumentata anche l'entità del sacrificio, anche perché non importa a quale santo ci si appelli, per alzare la Coppa al Maracanà servirebbe davvero un miracolo.

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
© foto di Daniele Buffa/Image Sport