Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus, Buffon: "Abbiamo dimostrato di saper soffrire"

Juventus, Buffon: "Abbiamo dimostrato di saper soffrire"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
domenica 16 marzo 2014, 23:502014
di Ivan Cardia

Capitano della Juve e decisivo oggi in campo con la parata sul rigore tirato da Calaiò, Gianluigi Buffon si presenta con una certa soddisfazione alle telecamere de La Domenica Sportiva per commentare la vittoria ottenuta dai bianconeri contro il Genoa: "Probabilmente oggi abbiamo incontrato il miglior Genoa della stagione, perché ha fatto una partita totale, con un grandissimo dispendio di energie, dimostrando di stare bene e di avere un grandissimo allenatore. Abbiamo dimostrato ancora una volta di saper soffrire.

Prandelli ha detto che sei l'unico ad avere il posto sicuro.
"Credo che si sia trattato di una battuta, il mister parla per stimolare tutti, partendo dal mio ruolo di capitano. So benissimo che giocherò solo se dimostrerò di stare meglio di altri".

La Juventus attuale la metti nei primi tre posti tra quelle che hai conosciuto?
"Sicuramente questa Juve gioca molto bene a calcio e per questo dobbiamo ringraziare il nostro allenatore, inoltre credo ci siano tante persone di carisma, che hanno saputo creare un gruppo unito, che si aiuta tantissimo e non molla mai. Questa è una grande forza degli uomini che compongono questa squadra".

È vero che avete concordato un premio se raggiungerete i 100 punti in campionato?
"No, che io sappia no, non c'è stato nessun tipo di patto in tal senso".

Oggi raggiungi Zoff come presenze in bianconero, come ci si sente?
"Zoff è un'icona, il fatto di essere affiancato a lui mi gratifica, però mi fa pensare se sono adeguato. Negli ultimi anni ho avuto un'operazione alla schiena molto delicata, soprattutto per uno che fa questo lavoro, la riabilitazione è stata lunga, un pochino ci ho messo anch'io per trovare una certa forma, poi penso che a distanza da un anno dall'operazione le prestazioni ci siano state".

È tornata di moda la questione riguardante la convocazione di Cassano in nazionale e si parla di una ritrosia del gruppo ad accettarla, cosa ci puoi dire?
"Penso che abbiamo un ct che come tutti gli allenatori abbiano onore ed onere di fare delle scelte. Se ha ritenuto giusto fare questa scelte è una cosa che va accettata, se ora dovesse cambiare idea, considerando che Cassano sta facendo una stagione strepitosa e si sta conquistando la convocazione con le prestazioni, va parimenti accettata".