Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, arriva la scossa. Squadra più semplice e vittoria al Franchi

Milan, arriva la scossa. Squadra più semplice e vittoria al FranchiTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 27 marzo 2014, 08:302014
di Luca Bargellini

Nella partita che poteva sancire, in caso di sconfitta, il destino di Clarence Seedorf, arriva dal Milan la partita che non ti aspetti. Sul campo della Fiorentina la formazione rossonera centra una vittoria netta, pulita, per 2-0. Philippe Mexes e Mario Balotelli metto a segno le reti che decidono il match, ma soprattutto ritrovano la loro importanza in una squadra che dopo l'uscita dalla Champions League aveva sbandato in maniera paurosa.

E' un Milan che cerca di fare le cose semplici, senza eccessi. Seedorf, a differenza di qualche settimana fa, disegna un 4-2-3-1 che assomiglia paurosamente ad un 4-4-2 con Kakà seconda punta. La Fiorentina, dall'altra parte, ci capisce poco e, complice una serie invereconda di assenze (Gomez, Rossi, Pizarro, Vargas, Compper e Pasqual che si è aggiunto a gara in corso), non controbatte praticamente mai. Tanti palloni giocati, ma zero pericolosità.

Sono stanchi gli uomini di Montella. La vittoria del San Paolo di domenica pomeriggio è apparsa più come uno sprazzo, un regalo dal cielo, che la risposta di una squadra pronta a "vendicarsi" dell'eliminazione dall'Europa League. Domenica c'è la Samp, squadra tosta guidata dall'ex Sinisa Mihajlovic. Urge un deciso cambio di rotta. Urge, anche, un gol di Alessandro Matri. Così proprio non va.