Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Lady B: "San Siro va modernizzato e il calcio deve cambiare"

Milan, Lady B: "San Siro va modernizzato e il calcio deve cambiare"TUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
domenica 28 settembre 2014, 22:582014
di Antonio Vitiello

Torna a parlare l'amministratore delegato del Milan Barbara Berlusconi: "Il problema principale del nostro calcio è la litigiosità. Tutti gli operatori dovrebbero preoccuparsi di come promuoverlo in Europa e nel mondo, ma oggi si perde troppo tempo a litigare e a dividersi. Serve un rinnovamento. Credo che il nostro problema sia un po' in piccolo quello che sta succedendo all'Italia nel suo complesso, quello di un Paese che non vuole rinnovarsi. Anche nel calcio mi pare che si proteggano molte posizioni, molti ruoli, e che il desiderio di rimanere ancorati alle proprie poltrone prevalga sulle necessità di rinnovamento".

L'ad rossonera propone anche la via da percorrere: "Bisogna fare come la Germania, quando nel 2000 rimase molto delusa da un europeo fallito, fu in grado di cambiare la governance, le regole, gli uomini, gli stadi, i vivai e i conti, e non solo a livello di nazionale ma in tutti i club. San Siro - conclude alla Rai, Barbara Berlusconi, che giovedì ha incontrato il presidente dell'Inter Thohir per parlare delle problematiche legate all'impianto - è uno stadio meraviglioso, dove c'è la storia e l'epica del Milan e dell'Inter ma oggi non basta più. Gli stadi hanno bisogno di servizi diversi di infrastrutture differenti di rimanere aperti 7 giorni su 7 e non soltanto nel giorno della partita. Ma oggi in Italia le difficoltà sono moltissime: il sostegno economico da parte dello stato, la regione e il comune...", riporta Mediaset.