Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Parma, Mirante: "Il Genoa sta bene, va temuto. Stagione impensabile"

Parma, Mirante: "Il Genoa sta bene, va temuto. Stagione impensabile"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 20 marzo 2014, 16:102014
di Chiara Biondini

Il portiere del Parma, Antonio Mirante, al termine dell'incontro di stamane a Sissa, con i ragazzi delle scuole medie dell'Istituto Comprensivo di Trecasali, ai microfoni di Parma Channel ha fatto il punto sulla settimana che sta portando i crociati verso la delicata gara contro il Genoa.

"Gli attestati di stima e l'affetto dei ragazzi di Parma mi spingono e danno carica per fare ancora meglio, significa che ho costruito qualcosa in questa squadra - ha detto il portiere campano - Era imprevedibile arrivare a 46 punti a questo punto del campionato, altrettanto difficile pensare a una stagione del genere. In tanti prevedono che prima o poi cadremo, accadrà ma speriamo il più in là possibile. Questo ci spinge a lavorare meglio, a sforzarci, per dimostrare che abbiamo valori e voglia di migliorarci. E' quindi una spinta in più".

Sul calendario e i prossimi impegni: "Abbiamo ora un ciclo di partite difficili e ravvicinate, le andremo ad affrontare una alla volta, vogliamo ragionare di partita in partita. Sarà l'ultimo step per entrare nelle grandi? Speriamo di dirlo a fine anno, provando a realizzare un sogno chiamato Europa".

Sulla gara di domenica: "Farei volentieri cambio rispetto all'andata, quando parai un rigore ma perdemmo. Il Genoa sta bene, va temuto, ha giocato una grande partita con la Juventus venendo punita immeritatamente dalla magia di un grande campione. Inoltre è ben allenata, gioca un buon calcio. Ma la fame non ci deve mancare per arrivare in alto e noi ne abbiamo ancora tanta".

Nazionale? "La chiamata allo stage mi ha dato una speranza in più e la certezza che sono nei loro pensieri. Sta a me mettere in ulteriore difficoltà il ct e lavorare forte per realizzare anche il mio sogno personale. Attraverso il Parma dovrò meritarmi un'ulteriore convocazione".