Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Roma, Gervinho superstar: i gol per il definitivo salto di qualità

Roma, Gervinho superstar: i gol per il definitivo salto di qualitàTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 18 settembre 2014, 07:002014
di Raimondo De Magistris

Tre gol in due partite e poco più. Mezz'ora su livelli altissimi per mettere in ghiaccio l'esordio in Champions contro il CSKA Mosca in men che non si dica. L'attaccante della Roma Gervinho sta vivendo un inizio di stagione da protagonista come mai gli era accaduto in passato. Da tutti accusato con cognizione di causa di essere troppo poco lucido in zona gol per diventare un grande attaccante, il calciatore ivoriano da quando è sbarcato nella Capitale sta provando a far cambiare idea a tutti. Segnali interessanti sono arrivati già nella passata stagione quando ha dato il via all'inversione di tendenza: dodici gol complessivi, nove in campionato e tre in Coppa Italia.
Un buon bottino, ma ancora troppo poco se rapportato con le occasioni che l'ex Arsenal è capace di crearsi durante la gara con i suoi cambi di passo. Lo sa bene il calciatore, così come Rudi Garcia che nell'ultimo anno in allenamento ha insistito sui tiri in porta.

Sedute continue a cui il calciatore s'è sottoposto volentieri che cominciano a dare frutti concreti. Contro la Fiorentina Gervinho ha preferito far fuori anche il portiere prima di depositare la sfera in fondo al sacco. Ieri, invece, ha messo in vetrina un repertorio tutto nuovo con due conclusioni in cui ha abbinato lucidità e precisione contro un Akinfeev che sui suoi gol non ha potuto fare molto. Il tutto due giorni dopo un rinnovo fino al 30 giugno 2018 che ha spazzato via piccoli malumori estivi e legato ancor di più Gervinho alla causa giallorossa, come confermano anche le parole al miele dello stesso calciatore dopo la partita di ieri: "La Roma è casa mia, mi trovo benissimo con dirigenti, squadra e tifosi. Tutti si comportano bene con me, si era parlato di rinnovo ma ho aspettato la fine del Mondiale. Mi sento giallorosso, forza Roma!"