Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Svilar l'ultimo prodotto della fucina Belgio. E le big inglesi già chiamano

Svilar l'ultimo prodotto della fucina Belgio. E le big inglesi già chiamanoTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 27 settembre 2014, 07:302014
di Tommaso Maschio

Da Michel Preud'homme a Simon Mignolet e Tibaut Courtois fino a Mile Svilar, la scuola belga dei portieri sembra essere una fucina di talenti. Il più giovane di questi è appunto Svilar, figlio d'arte che ad appena 15 anni sta stupendo il mondo e attirando su di sé l'interesse delle big. Nato ad Anversa nel 1999 e figlio dell'ex nazionale jugoslavo - 9 presenze fra il 1976 e il 1983 - Ratko Svilar, il giovane Mile è cresciuto nelle giovanili dell'Anderlecht, club più prestigioso del Belgio, bruciando le tappe. Dopo la Aegon Future Cup, competizione riservata agli Under 17, il giovane belga d'origine slava ha partecipato da protagonista a due coppe riservate alle formazioni Under 19 come la PSV Otten Cup e la Copa del Agatha dove si è aggiudicato il premio di miglior portiere della competizione nonostante fosse di 4-5 anni più piccolo degli avversari. Prestazioni che gli sono valse la convocazione nella nazionale belga Under 16 e il posto da titolare nella Youth League con l'Anderlecht.

Arsenal, Chelsea e Manchester United hanno messo gli occhi su di lui e sono pronti a sfidarsi in estate per il suo cartellino e mettere così le mani su un portiere che promette di essere una delle stelle del calcio del prossimo decennio. Per farlo però riuscire a convincere il padre-manager Ratko che ai media inglesi ha affermato che fino ai 20 anni il suo ragazzo non lascerà il Belgio e l'Anderlecht.