Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW - Colombia, Zapata: "Vincere il Mondiale? Niente è impossibile"

TMW - Colombia, Zapata: "Vincere il Mondiale? Niente è impossibile"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 29 giugno 2014, 02:182014
di Fabio Russo
Dal nostro inviato a Rio de Janeiro, Fabio Russo

Colonna portante della difesa della Colombia, Cristian Zapata ha festeggiato così la vittoria contro l'Uruguay, che ha qualificato, per la prima volta nella storia dei Mondiali, la sua Nazionale ai quarti di finale. "Vincere il Mondiale? Vediamo, non è impossibile - ha confessato -. Squadra spettacolare? Siamo una squadra molto giovane, a parte Yepes, che, comunque, sta giocando come un giovane. Siamo una bella squadra, compatta, allegra e siamo molto felici per tutto questo. Cosa cambia in Nazionale rispetto alla serie A? Qui c'è un'aria di maggior allegria, non c'è tanta tensione come nel campionato italiano. La prossima sfida con Neymar? Bisogna stare attenti. E' un giocatore importante, che rompe gli equilibri, quindi ci sarà da stargli addosso.

Il Mondiale per mettermi in mostra? Al Milan, dopo che è arrivato Seedorf non ho avuto continuità. Sono scelte sue... Così è il calcio... Alla fine, però, sono qui e sono contento di riuscire a fare bene. Io ero titolare nel Milan con Allegri, poi è arrivato un altro mister ed ha fatto scelte differenti. Aiuti al Brasile? Non abbiamo paura di questo, noi pensiamo sempre a fare la nostra partita. James Rodríguez? Lui e Cuadrado sono i giocatori che per noi rompono gli equilibri: per noi, con loro due in campo, è un'altra cosa".