Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Verona, Mandorlini: "Iturbe ha qualità tecniche e velocità impressionanti"

Verona, Mandorlini: "Iturbe ha qualità tecniche e velocità impressionanti"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 21 gennaio 2014, 01:392014
di Simone Lorini

Intervenuto su "Tiki Taka", approfondimento calcistico di Mediaset Premium, il tecnico dell'Hellas Verona Andrea Mandorlini ha parlato di vari temi, analizzando anche il momento del suo vecchio amore, l'Inter.

Ti aspettavi qualcosa di più dai nerazzurri?
"Ho sempre sentito che è l'anno zero, si riparte e ci vuole un po' di tempo. Ci vuole un po' di pazienza e in questo ambiente l'equilibrio non c'è mai".

Quant'è importante avere la proprietà vicina?
"Basilare, per mille motivi, è importante andare a condividere un progetto che si va ad affrontare. In questo momento all'Inter manca la vittoria, tanti punti di distacco è vero ma è un anno in cui bisogna ricominciare. Il passato non si dimentica mai, ma in questo momento si vede tutto negativo. Certo, quando prendi l'Inter penso che devi investire, non puoi accontentarti di ripianare. Questa stagione ok, ma va programmata la prossima in maniera giusta".

Un giudizio su Seedorf?
"E' un'altra vita quella dell'allenatore. In pochi giorni non so che impronta possa aver dato, è partito bene ma la filosofia del Milan lo aiuta nel suo tipo di gioco, così come i giocatori in rosa".

Te l'aspettavi così il Milan?
"Molto dipende dalle caratteristiche dei giocatori che hanno: loro hanno attaccanti bravi nel possesso palla e nello scambio e l'abbiamo preparata così. L'idea del tiki taka del Barcellona parte da lontano, non si può fare in pochi giorni. Noi comunque, a parte un po' all'inizio, abbiamo sofferto poco e niente".

Il rigore è arrivato in un momento decisivo della gara:
"Già da prima eravamo noi a essere pericolosi, loro erano stanchi. Noi li abbiamo rianimati con un errore che capita. Non c'è una spiegazione per cui Alejandro entra così, ci devo parlare. Peccato, aveva fatto una partita buonissima. Questo errore qui lo paragono a tante scelte in fase offensiva in cui potevamo davvero chiudere la partita, ma è andata così".

Dove deve intervenire il Milan sul mercato?
"Il Milan è una squadra forte, forse ha peso qualche gol di troppo".

In cosa sono diversi Garcia e Conte?
"Garcia ha dato un equilibrio difensivo alla Roma, Conte credo che sia la sostanza, la concretezza, il calcio italiano. Un calcio molto pragmatico, non di contropiede. Grazie a queste due squadre diamo importanza alla Coppa Italia".

La caratteristica principale di Iturbe?
"Qualità tecnica e velocità impressionante, non solo di gambe ma anche di pensiero. Può giocare nel tridente? Alla grande".

Una descrizione di Jorginho?
"Un calciatore dalle caratteristiche rare, bravissimo nella gestione della palla. Può giocare anche nel centrocampo a due, anche se è abituato a quello a tre. Lui e Iturbe possono giocare in grandi club, sono calciatori dalle qualità incredibili e bravi ragazzi".

Un giudizio sull'episodio dei cori durante l'esibizione di Caruso al Dall'Ara
"E' brutto vedere e sentire queste cose, Bologna è tutto tranne che una città razzista".