Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Carrarese, su Youtube la "storia vera" del presidente Tartaglia

Carrarese, su Youtube la "storia vera" del presidente TartagliaTUTTO mercato WEB
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
lunedì 21 dicembre 2015, 19:092015
di Ivan Cardia

Si parla tanto della Carrarese e del suo futuro, attraverso il canale ufficiale su Youtube del club, il presidente Raffaele Tartaglia ha voluto raccontare "la storia vera", come da titolo del video di cui trovate un estratto di seguito e più in basso il link: "Tutti sapete che ho sottoscritto un accordo, nel quale ci sono tre pilastri fondamentali, anzi quattro. Il primo è che il signor Gianluigi Buffon prestasse la propria immagine, a titolo gratuito, per favorire il progetto relativo alla Carrarese Calcio. Il secondo punto prevede che la società non avesse debiti superiori a 1,3 milioni e crediti non inferiori a 500 mila euro. Che la società fosse dotata di liquidità propria disponibile con due linee di credito e che la GVG Immobiliare si impegnasse a rifondere nell'esercizio corrente almeno 200 mila euro. A questo va aggiunto che la società avesse i conti in ordine.

Io ho lavorato con il mio direttore per costruire una buona squadra spendendo il giusto. Ho chiesto ad alcuni giocatori di diventare leader dello spogliatoio, abbiamo portato anche ragazzi giovani. Sono contento che si sia creata un'asta attorno a Gnahoré, quando sono arrivato ad agosto mi hanno detto che era un calciatore finito, ora c'è qualcuno che ci promette del denaro. Io gli ho spiegato che poteva diventare un buon calciatore e spero che tutto quello che gli sta succedendo non lo rovini, per il bene suo e della società".