Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Chievo, Maran: "Noi e l'Empoli due fiori all'occhiello del calcio italiano"

Chievo, Maran: "Noi e l'Empoli due fiori all'occhiello del calcio italiano"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
sabato 21 febbraio 2015, 14:002015
di Marco Conterio
fonte ChievoVerona.it

Si è svolta oggi a Veronello la conferenza stampa di mister Rolando Maran, alla vigilia di Empoli – ChievoVerona. Queste le parole del tecnico gialloblù.

"Quella di domani è una partita importante, è abbastanza chiaro. Ci arriviamo come speravamo di arrivarci, vale a dire con dei punti in più in classifica rispetto a qualche settimana fa. Ci arriviamo con il morale giusto che deve essere tramutato in una carica per avere una spinta ancora maggiore. Queste sono partite che contano molto. Non sono ancora decisive, ma contano. In settimana abbiamo lavorato con la massima attenzione e la solita partecipazione".

"Anche se nel breve periodo in cui non sono arrivati i risultati non c'è stata la gratificazione dei punti, c'è sempre stata la massima fiducia da parte dei ragazzi in quello che facevamo. Dal punto di vista del lavoro non è mai cambiato nulla. Abbiamo ben chiaro in testa quello che vogliamo proporre domani in campo, poi durante la partita possono arrivare molteplici indicazioni e abbiamo lavorato su più soluzioni per poter leggere bene la partita".

"Cosa invidio all'Empoli? Invidio il tempo che hanno avuto per lavorare insieme: hanno potuto costruire un impianto di gioco valido e i punti in classifica lo testimoniano, ma io mi tengo i miei giocatori perché mi stanno dando grandi soddisfazioni per sacrificio, partecipazione e gioco".

"In questo momento scegliere chi mandare in campo è complicato: da un lato è facile perché chiunque scelgo risponde in maniera positiva, di contro proprio per questo motivo è più difficile lasciare fuori molti giocatori, ma ho visto che anche loro hanno capito questa situazione. Più giocatori dovrebbero essere gratificati però non si può".

"L'Empoli è vero che ha molto palleggio, ma rispetto alla Sampdoria verticalizza tanto per gli attaccanti che allungano spesso, quindi non sarà una partita simile a quella che abbiamo giocato con la domenica scorsa".

"Il ChievoVerona e l'Empoli sono due realtà che rappresentano il fiore all'occhiello del calcio italiano. Ogni anno costruiamo attraverso il lavoro e la programmazione le nostre storie. Sarri ha fatto tanta gavetta per arrivare al palcoscenico migliore del calcio italiano e questi sono tutti aspetti che chi ama il calcio apprezza e valorizza".