Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Crotone, Juric: "Non credo sia una fuga la nostra"

Crotone, Juric: "Non credo sia una fuga la nostra"TUTTO mercato WEB
Ivan Juric
© foto di Federico Gaetano
domenica 27 dicembre 2015, 17:252015
di Luca Esposito
Risultato finale: Entella - Crotone 1-2

Crotone secondo in classifica, è il capolavoro di Ivan Juric perché i calabresi hanno 7 punti di vantaggio sulla terza in classifica. Ecco che cosa ha detto a Sky Sport l'allenatore croato, quando gli è stato chiesto se quella calabrese è una sorta di fuga: "Non credo che sia una fuga la nostra, ci sono altre squadre che corrono come Avellino e Pescara, bisogna stare comunque concentrati. Nel primo tempo abbiamo visto molto spettacolo, tutte e due le squadre potevano segnare più gol, noi nella ripresa ci siamo abbassati e i nostri avversari hanno giocato bene. Abbiamo rischiato di meno col passare del tempo, penso che il successo sia meritato. Se c'è un punto debole che abbiamo è che non siamo mai riusciti a vincere su un calcio piazzato a favore". Ha segnato anche Bruno Martella oggi.

Sono contento per Martella che ci teneva a fare gol, è andata bene. Se è pronto per la A? Per me ha fatto un salto di qualità allucinante rispetto alla scorsa stagione, sta giocando su livelli ai quali non pensavo che arrivasse. Anche nella fase difensiva che pensavo potesse essere un punto debole. Lo sa che se abbassa la tensione finisce per tornare quello dell'anno scorso". Sull'espulsione del mister: Credo che sia esagerato, ci sta alzare le braccia su una decisione arbitrale".