Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il punto sulla Premier - Natale in vetta per Ranieri, prosegue la crisi United

Il punto sulla Premier - Natale in vetta per Ranieri, prosegue la crisi UnitedTUTTO mercato WEB
© foto di Imago/Image Sport
lunedì 21 dicembre 2015, 09:302015
di Vito Aulenti

Comunque vada a finire il Monday Night extralusso di questa sera tra Arsenal e Manchester City, a festeggiare il Natale da capolista sarà il Leicester City dei miracoli, in grado di espugnare anche un campo insidioso come quello dell'Everton e di portarsi momentaneamente a +5 dai Gunners. A Goodison Park, i padroni di casa fanno la partita per più di metà match, ma pagano a caro prezzo alcune lacune a livello difensivo, messe cinicamente a nudo dalle spietate Foxes, a segno per ben due volte su rigore con Mahrez (a quota 13 centri stagionali), e negli ultimi venti minuti con il giapponese Okazaki, servito dal sempre decisivo Vardy, le cui condizioni fisiche saranno da valutare nelle prossime ore (l'attaccante della Nazionale inglese è uscito dal terreno di gioco al minuto 87 per un problema muscolare). Per una squadra che vive un momento magico, ce n'è un'altra che invece fatica a tornare al sorriso: ci riferiamo al Manchester United, che avrebbe una ghiotta opportunità di riscatto all'Old Trafford al cospetto del non irresistibile Norwich (attualmente sedicesimo), ma la spreca malamente rimediando l'ennesima brutta figura della stagione. I Red Devils fanno tanto possesso, ma non riescono a tramutarlo né in manovra efficace né in occasioni da gol. Gli ospiti invece sembrano cavarsela meglio, tant'è che tra il 38' e il 54' si portano avanti di due reti grazie alle firme di Jerome e Tettey, seguite dall'inutile lampo di Martial, servito solo a rendere meno amara una sconfitta già di per sé pesante.

Il ko della formazione di Van Gaal è colto con particolare entusiasmo da Tottenham e Crystal Palace, le quali, vincendo rispettivamente contro Southampton e Stoke City, riescono ad agguantare proprio lo United in quarta posizione. Alle spalle di questo inedito terzetto si piazza un'altra delle sorprese più liete del torneo: ci riferiamo al Watford dei Pozzo, che supera brillantemente anche il proibitivo esame Liverpool, umiliando la compagine di Klopp con un perentorio 3-0. Grande protagonista dell'incontro il solito Ighalo, che con la doppietta rifilata ai Reds vola a quota 12 nella classifica marcatori. La prima senza Mourinho è tutt'altro che traumatica per i giocatori del Chelsea, capaci di archiviare in soli 50' la pratica Sunderland con ben tre segnature: ad inizio ripresa anche Borini, ex dell'incontro, timbra il cartellino dei marcatori, ma ciò non basta agli ospiti per negare la gioia del successo ai Blues, ora quindicesimi in graduatoria a +3 dallo Swansea (protagonista ieri di un pari a reti bianche col West Ham) terzultimo. A proposito di zona calda, né Newcastle né Aston Villa riescono ad imporsi nello scontro salvezza: al St James' Park termina 1-1, senza vincitori né vinti.

CLASSIFICA: Leicester City 38, Arsenal 33*, Manchester City 32*, Tottenham 29, Manchester United 29, Crystal Palace 29, Watford 28, West Ham 25, Liverpool 24, Stoke City 23, Everton 23, Southampton 21, WBA 20, Bournemouth 19, Chelsea 18, Norwich City 17, Newcastle 17, Swansea City 15, Sunderland 12, Aston Villa 7.