Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lega Pro, Gravina: "Serve nuova immagine. Ok ad ipotesi seconde squadre"

Lega Pro, Gravina: "Serve nuova immagine. Ok ad ipotesi seconde squadre"TUTTO mercato WEB
lunedì 28 dicembre 2015, 11:182015
di Luca Bargellini

Gabriele Gravina, neo presidente della Lega Pro, è intervenuto ai microfoni di SkySport: "Negli ultimi 30 anni 160 squadre di Lega Pro sono state cancellate, con 83 solo nell'ultimo decennio. Questa è una grande criticità, che incide sul brand e sull'immagine di una lega che bisogno di ritrovare la sua dignità.

Come ripartire? Ci sono tre direttrici: una maggior partecipazione delle società imprenditrice, per arrivare ad una migliore sostenibilità. La Lega Pro ha circa sette milioni di persone come bacino d'utenza e deve essere un nostro punto di forza.

Calcioscommese? Servono pene più severe per risolvere la situazione, dando anche più mezzi per sensibilizzare tutte le parti in causa.

Le norme per l'iscrizione ai campionati? Chi lavora deve essere pagato e questo è un elemento fondamentale. Servono risorse ovviamente, che cercheremo di reperire dando una nuova immagine alla Lega Pro. Portanto avanti un percorso nuovo, che porti alla sostenibilità dell'intero movimento.

Le seconde squadre? Sono d'accordo ma con paletti molto chiari, legati anche alle licenze UEFA. Lo sviluppo dei giovani deve essere uno degli obiettivi più importanti della Lega Pro. Noi facciamo formazione e non dobbiamo puntare solo all'aspetto economico e agonistico. Il calcio è sociale, aggregazione, e questo inciderebbe anche a livello finanziario. Dobbiamo dare una nuova immagine, non statica, compatta alla Lega Pro".