Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, van Ginkel costerà 400 mila euro

Milan, van Ginkel costerà 400 mila euroTUTTO mercato WEB
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
giovedì 26 febbraio 2015, 07:452015
di Andrea Losapio

Non si può dire che il centrocampo del Milan sia il migliore al mondo. Anzi, negli ultimi anni ha subito un crollo verticale, passando da avere qualità, fantasia e quella giusta dose di cattiveria (incarnata al meglio da Gennaro Gattuso) a una mancanza di spessore tecnico che, in certi momenti, lascia addirittura interdetti. Ed è per questo che non è accettabile che un nazionale olandese come Marco van Ginkel, arrivato in prestito dall'Ajax, non riesca a trovare grande spazio. Forse perché è in prestito secco, e non riscattabile dal Milan, che i rossoneri non hanno cercato di recuperare il calciatore, l'anno scorso rimasto vittima di un terribile infortunio. Più in generale van Ginkel non ha destato grande impressione quando chiamato a fare il titolare (raramente) nel Milan.
È però la scelta di arrivare a un giocatore in prestito secco che lascia interdetti, come aveva fatto l'Inter l'anno scorso con Wallace.

Sono calciatori che finiscono in un tritacarne alla prima difficoltà e praticamente mai più ripresentati perché non costituiscono - e non costituiranno nemmeno in un futuro - un'adeguata plusvalenza per l'azienda. Acquistare van Ginkel significa rimpolpare i ranghi, offrire 400 mila euro al Chelsea qualora non dovesse giocare 20 partite (e non le giocherà) è un buon modo per vedere ristretto il budget dell'anno successivo, senza nessunissima pianificazione lecita. Un costo in più che, ok, non graverà più di tanto sul bilancio. Ma che non è certo servito per migliorare la situazione in classifica. La realtà è che sarebbe servita un'altra politica che non fosse quella dei parametri zero e dei tanti prestiti per rinforzare una (almeno presunta) grande.