Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Napoli, Sarri ritrova Gabbiadini: l'arma in più mancata nell'ultimo mese

Napoli, Sarri ritrova Gabbiadini: l'arma in più mancata nell'ultimo meseTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
sabato 19 dicembre 2015, 08:452015
di Antonio Gaito

Quaranta giorni dopo l'infortunio di Bologna nell'amichevole della nazionale contro la Romania, Manolo Gabbiadini può considerarsi finalmente recuperato. L'attaccante classe '91 ha dovuto fare i conti con qualche giorno ulteriore di lavoro differenziato, con il fastidio alla caviglia che non andava via, e soltanto ieri è tornato a svolgere lavoro completo in gruppo. Nel pomeriggio si saprà se Maurizio Sarri lo inserirà subito nei convocati per Bergamo, proprio contro l'Atalanta con cui ha iniziato la scalata alla serie A il talento di Calcinate.

L'assenza di Gabbiadini è pesata non poco negli equilibri del Napoli. Fino a qualche momento, nonostante lo spazio ridotto a disposizione, aveva siglato quattro reti in Europa League ed una in campionato, in media con la stagione precedente. In Europa, dove ha trovato spazio inizialmente, i risultati non sono mancati per la verità, ma per una squadra impegnata su tre fronte l'assenza in contemporanea con Mertens ha ridotto non poco le scelte di Sarri che s'è ritrovato a reinventarsi El Kaddouri esterno offensivo e probabilmente ad un minutaggio eccessivo per Callejon, anche in versione prima punta.

In più occasioni Sarri ha sottolineato l'importanza di Gabbiadini, sia nell'ottica delle rotazioni, ma soprattutto per un ventaglio di scelte offensive che - con l'assenza anche di Mertens - è stata ridotta al solo El Kaddouri. Per caratteristiche, inoltre, il classe '91 col suo micidiale tiro da fuori è mancato soprattutto in quei match che il Napoli non è riuscito a sbloccare, l'ultimo lo 0-0 con la Roma, contro squadre arroccate nella propria trequarti. Quest'oggi può tornare tra i convocati, ma il suo contributo sarà determinante - per usare le stesse parole di Sarri - quando da fine gennaio ogni tre giorni il Napoli giocherà gare decisive su tre fronti.